Renzo, il gattino senza naso cerca una famiglia

Renzo, il gattino senza nasino cerca ancora una famiglia che possa amarlo per tutta la vita

gatto sdraiato

Renzo è un gattino speciale, un trovatello trovato in mezzo alle colline pisane nato con un segno molto particolare: non ha la punta del naso.

Non si sa quanti anni abbia, forse tra i 5 e i 7. Quello che è certo è che nella sua vita deve aver patito notevoli sofferenze.

gatto che dorme

La volontaria che lo ha trovato, una ragazza di nome Monica che si sta occupando di lui, lo ha definito “una cartelle clinica di patologie con la coda”.

Monica è una volontaria di Gatti Mammoni di Pisa e Ohana Animal Rescue Family di Empoli e ha descritto Renzo con parole traboccanti di affetto.

Ha dichiarato di non sapere nulla di lui, ma che il suo amore per le comodità di casa è stato da subito evidente.

Si è fatto fare tutto ciò che era necessario, prende le medicine nella pappa e si abituato alla vita di casa in pochi minuti.

Purtroppo Renzo ha diverse patologie, oltre al carcinoma al naso, ha avuto la giardia, soffre il mal di auto è Fiv positivo per non farsi mancare niente ha anche un granuloma eosinofilico, ovvero una dermatite atopica che lo obbliga a mangiare un cibo ipoallergenico e ad assumere cortisone.

gatto che osserva

Per il resto è un gattino adorabile, coccolone e davvero tranquillo. Ama giocare e soprattutto dormire.

Ha conquistato velocemente il cuore delle volontarie. Che con amore e affetto lo hanno curato e che hanno dichiarato di essere alla ricerca di una famiglia speciale che possa amarlo nonostante tutti i problemi che ha.

Renzo si trova a Pisa e Monica cerca per lui una famiglia che sia lontana massimo un’ora dalla città toscana.

Il suo desiderio è di rimanere un punto di riferimento per il gattino e per la famiglia che lo accoglierà.

gatto che cammina

Se il vostro desiderio è di regalare a Renzo, il gattino senza naso la vita felice che si merita potete contattare Monica a questo indirizzo email: mon.ny@hotmail.it.

Ma prima, non perdetevi una nuova storia a lieto fine, come quella del salvataggio di una gattina nascosta nel motore di un’auto.