Bolle: il gattino trovato in un cassonetto è stato adottato

Un gattino è stato trovato all'interno di una cassonetto dei rifiuti; affetto da una grave malformazione, ora è stato finalmente adottato.

gattino-con-sguardo-sveglio

Un gattino di appena due mesi, fu ritrovato, a Rimini, all’interno di un cassonetto della spazzatura. Affetto da un grave malformazione che ne limita i movimenti, non ha abbandonato la voglia di vivere ed ora è stato adottato.

In questo articolo vorremmo parlarvi di un gatto che è diventato una vera e propria leggenda nell’Emilia Romagna e forse anche in tutta Italia.

Stiamo parlando del gatto Bolle, con un passato sconvolgente e una vita davanti. Bolle fu ritrovato, quando aveva appena due mesi, da una signora, all’interno di un cassonetto. Pensate era stato gettato nei rifiuti, come se fosse una semplice cosa da buttar via. La signora contattò immediatamente il Canile di Rimini ” Stefano Cerni” e gli operatori, prontissimi lo salvarono.

gattino-seduto

Ma Bolle non è “noto” solo per questa triste vicenda! Gli operatori nel salvarlo, si sono accorti che aveva le zampe posteriori in posizione non-fisiologica.

Nel video appena sotto, postato dal Canile di Rimini ” Stefano Cerni”, potete vedere Bolle all’opera, poiché, seppur con questa grave malformazione e il triste passato, non ha mai smesso di essere un gatto allegro.

Dopo degli attenti e scrupolosi esami si è deciso di procedere con due operazioni chirurgiche. La prima operazione è stata effettuata il 16 gennaio 2019, grazie alla gara di solidarietà che si è instaurata tra i cittadini di Rimini.

Grazie ad un evento organizzato dallo stesso canile, è stato possibile raccogliere una somma proficua destinata all’intervento di Bolle. Gli è stata amputata la zampa sinistra che impediva la sua mobilità e, grazie a questo, da quel momento è riuscito a muoversi con più autonomia e ad assumere posizioni che prima gli erano quasi del tutto impossibili.

gattino-con-sguardo-sveglio

Naturalmente Bolle ha seguito un percorso di riabilitazione e dopo altri esami e radiografie si è potuto procedere alla seconda operazione.

L’intervento si è rivelato molto delicato, in quanto, l’equipe chirurgica, ha modificato la posizione della zampa, affinché ritornasse nella posizione fisiologica più consona.

Ma, Bolle è un vero concentrato di energia ed è riuscito a superare al meglio anche questo secondo intervento. Ha iniziato un percorso fisioterapico, necessario per lo sviluppo della muscolatura. Infatti deve “rimparare” ad usare l’arto in maniera molto diversa da come lo utilizzava prima. Scommettiamo che Bolle, essendo un gatto molto forte e tenace, supererà anche questa nuova sfida?

Nel video sottostante, postato dal Canile di Rimini, potete vedere Bolle in una sessione di gioco sfrenato!

 

Ma sapete perché è stato chiamato Bolle? Non ci penserete mai, ma lo hanno paragonato, grazie ai suoi movimenti un po’ particolari, ai passi di danza dell’Etoile Roberto Bolle.

Come è facile intuire, per Bolle si è cercata subito una adozione consapevole e finalmente la bella notizia è arrivata. Le dottoresse Sabrina Donzelli e Denise Forti, che lo hanno assistito presso la clinica ” Motoria Centro Fisiatrico Sportivo per Animali”, lo hanno adottato. Una scelta consapevole dettata dal cuore e dall’amore che nutrono per il piccolo Bolle.  Inoltre la loro professionalità e competenza sarà molto utile a Bolle, nel suo percorso verso una vita più normale possibile.

gatto-in-braccio-a-donna

Grazie a Bolle abbiamo la possibilità di capire che la disabilità non deve impedirci di vivere e di lottare per la felicità! Bolle, anche se disabile, ha una gioia di vivere disarmante e ogni giorno si riappropria di un pezzo della sua vita! Ed ora ha vicino a se due complici che lo aiuteranno!

gatto-con-zampa-operata

Cosa ne pensate di questo straordinario gattino?