Home Alimentazione del gatto

Alimentazione del gatto

Alimentazione del gatto corretta: cosa deve mangiare un gatto per prevenire problemi di salute e consigli sulla dieta e sul cibo ideale per ogni razza.

Quante volte deve mangiare un gatto? La maggior parte dei gatti mangiano i loro pasti principali all’alba e al tramonto, quando normalmente sono a caccia e catturano le prede in natura, quindi quelli sono spesso i periodi migliori per nutrirli e alimentarli anche in casa.

Quanto dovrebbe mangiare il gatto dalla sua ciotola dipende dalla sua età, dalle sue dimensioni e da quanto è attivo, ma pare che la media sia di circa 200 calorie al giorno. Se il tuo gatto è attivo o curioso, prova a dividere la porzione giornaliera in diverse ciotole e posizionale in luoghi diversi in tutta la casa. Questo aiuta ad aumentare l’interesse consentendo al tuo gatto di scoprire fonti di cibo per tutto il giorno. È una buona idea chiedere al tuo veterinario di aiutarti a calcolare le esigenze del tuo gatto. Presta particolare attenzione al conteggio delle calorie su tutti gli alimenti che dai al tuo gatto, che può variare in modo significativo dal cibo al cibo.

Quanto dovresti nutrire il tuo gattino? I gattini inizieranno generalmente a rosicchiare cibi solidi a 3 – 4 settimane di età. Dopo 8 settimane di età, i cuccioli di gatto mangiano cibo secco o inumidito a volontà. Si consiglia di iniziare a offrire cibo secco inumidito a 3-4 settimane e di renderlo disponibile ai gattini in ogni momento attraverso lo stadio di svezzamento a 6-8 settimane di età.

Inumidire il cibo rende più facile per i giovani gattini masticare e deglutire. Durante questo periodo, è meglio prendere la quantità giornaliera raccomandata di cibo e dividerla in più porzioni.

I gatti possono anche sgranocchiare durante il giorno se si lascia il cibo seduti fuori, ma attenzione: non sono bravissimi a capire quanto dovrebbero mangiare. Quando i gatti guadagnano troppo peso e diventano obesi, possono avere problemi come malattie articolari, malattie cardiache e diabete.

I veterinari dicono che è meglio nutrire i gatti in determinati orari dei pasti e mettere da parte il cibo in tutte le altre occasioni. E i dolcetti? Va bene darglieli ogni tanto, ma non esagerare. Dovrebbero essere non più del 5% al ​​10% delle calorie giornaliere del tuo gatto.

Gatti vegetariani o vegani? Cibo fatto in casa?

Le diete vegetariane o vegane potrebbero essere una scelta salutare per te, ma sono una cattiva idea per il tuo gatto. A differenza dei cani e degli esseri umani, i gatti hanno bisogno di vitamine, minerali e proteine ​​specifici che provengono solo dalla carne.

Ma non carne cruda. Questo potrebbe essere parte della vita dei grandi felini in natura, ma è innaturale per i gatti domestici, perché in natura mangiano l’intero animale o l’uccello che catturano, non solo la carne. La carne da sola sarà carente di vitamine, minerali e aminoacidi. Inoltre, i batteri sulla carne cruda, come la salmonella e l’E. coli, possono rendere il vostro gatto (e voi) molto malato.

Che ne dici di preparare il tuo cibo per gatti a casa? Se decidi di seguire questa strada, non dovresti farlo da solo. Fatti aiutare da un nutrizionista veterinario. Cambiare un ingrediente può cambiare l’intero valore nutrizionale della sua alimentazione.

Cerchi ulteriori informazioni su come strutturare la dieta del tuo gattino, gatto adulto o gatto anziano? Continua a leggere per importanti consigli sull’alimentazione del gatto per aiutare a mantenere sano il tuo amico felino.