Corsica: il gatto volpe è la nuova specie leggendaria appena scoperta

gatto-in-braccio-a-uomo-in-divisa

In Corsica è stata scoperta una nuova specie felina; denominata il gatto-volpe è ora in via di studi per determinarne l’origine e le sua abitudini. Il passo fondamentale per i ricercatori è quello di riconoscerlo come specie e provvedere alla sua tutela e salvaguardia!

La scoperta

In Corsica è stato scoperta, da alcuni ricercatori, una specie felina identificata con il nome  di “gatto-volpe”. In realtà, anche se non è mai stata classificata come una specie, i pastori dell’isola ne hanno sempre tramandato di generazione in generazione il suo fascino e su di lei sono state raccontate molte storie che risalgono fin dalla notte dei tempi.

Nel gergo locale questo felino è chiamato “ghjattu-volpe” e tradizione vuole che si attacchi alle mammelle degli ovini e caprini, e ciò sarebbe testimoniato da graffi alquanto evidenti rinvenuti sugli animali.

gatto-selvatico-in-gabbia

Ed è proprio per capire quale fosse il confine tra realtà e leggenda che si è deciso di indagare e promuovere la ricerca di questo straordinario felino. Tutto è iniziato nel 2008 e ben quattro anni dopo i ricercatori hanno potuto constatare che il DNA fosse alquanto più simile ad un gatto africano che non a quello europeo.

Un grande passo avanti per la ricerca, che animata dalla voglia di conoscere in maniera approfondita questo splendido animale, ha deciso di proseguire e nel 2016 sono state scattate delle foto, tramite trappole fotografiche, che riprendevano la quotidianità di questi meravigliosi animali. Solo pochi giorni fa è arrivata la cattura di uno di questi esemplari e in un territorio di circa 25 mila ettari ne sono stati individuati 16 esemplari. Più precisamente il luogo della cattura è la Foresta di Asco.

gatto-selvatico-in-braccio-ad-uomo

Dodici di questi esemplari sono stati catturati, senza ricorrere a nessun tipo di violenza, registrati e poi lasciati liberi! Tra di loro c’è anche una femmina! La notizia di questa fantastica scoperta è stata data da Pierre Benedetti, capo tecnico ambientale dell'” Office Nation de la chasse et de la faune sauvage” ( ONCFS), che ha curato la cattura degli esemplari. Egli sostiene che con questa scoperta è importante proseguire ulteriormente la ricerca, affinché possa essere classificata come una specie e soprattutto poterla tutelare, per evitare l’estinzione!

Caratteristiche del gatto volpe

Dopo aver parlato della sua scoperta, possiamo finalmente descriverla! Dall’inizio della coda fino alla testa misura ben 90 cm! Il suo manto è tendente al grigio-rossiccio con il ventre color ruggine. Il pelo della coda presenta dai 2 ai 4 anelli piuttosto scuri e l’estremità è caratterizzata da un colorazione scura, tendente al nero. Sempre parlando del manto, inoltre, si è potuto constatare che le zampe anteriori siano piuttosto particolari in quanto riproducono delle linee zebrate! Il pelo è particolarmente fitto ed è un bene visto che lo protegge dai parassiti!

gatto-selvatico-su-lenzuolo-bianco

Dai primi rilevamenti inoltre si è potuto constatare che presenta delle orecchie piuttosto  larghe, i baffi invece sono piuttosto corti ed ha i canini molto più sviluppati rispetto al normale gatto europeo.

misurazione-denti-gatto

C’è ancora molto da scoprire di questa particolare specie, come ad esempio la sua alimentazione e la riproduzione, ma i ricercatori sono ottimisti. Continueranno a studiarla per determinarne anche la reale provenienza. Sono state infatti avanzate delle ipotesi circa il suo arrivo sull’isola e si pensa che sia giunta durante la seconda colonizzazione, circa nel 6500 a.C. e che quindi sia originaria del Medio Oriente.

misura-di-gatto-su-lenzuolo

Possiamo concludere dicendo che si tratta di una scoperta veramente sensazionale e ci auguriamo che venga il più presto tutelata e protetta.