Gatta che deve partorire si reca all’ospedale

La storia di una gatta che, in Turchia, va all'ospedale per partorire; capisce che c'è qualcosa che ostacola la nascita dei suoi cuccioli.

gatta-che-deve-partorire-si-reca-in-ospedale

La storia di questa gatta è veramente singolare e in certi tratti appare inverosimile. Ma si sa, i gatti hanno un qualcosa di magico, un qualcosa che non riusciamo a spiegarci. Forse anche questa gatta ha avuto un sesto senso che le ha permesso di vivere.

La nostra storia, infatti, inizia proprio con questa gatta che, un giorno, si mise in attesa davanti all’entrata di un ospedale in Turchia.

gatta-davanti-a-porta-ospedale

Ad un certo punto, tra il via vai di persone, degli infermieri si accorsero di lei e la fecero  entrare. Esaminandola si accorsero che era in un evidente stato di gravidanza. Sapendo di dover fare assolutamente qualcosa, chiamarono una clinica veterinaria che distava pochi minuti dall’ospedale.

Quando i veterinari vennero a prenderla, confermarono la gravidanza, ma si accorsero che,oltre ad essere prossima al parto, c’era qualcosa che ostacolava la nascita dei cuccioli.

gatta-sporca-distesa

L’hanno portata subito in sala operatoria e si accorsero che aveva una grossa ciste. Era proprio questa ciste che ostacolava la nascita dei gattini. Quindi hanno rimosso la ciste, che sicuramente era cresciuta durante la gravidanza, e poi hanno praticato un parto cesareo.

Dopo circa un’ora di intervento, sono stati portati alla luce tre meravigliosi gattini. Tre gattini perfettamente sani.

Tutta la famiglia venne messa in una incubatrice e appena la mamma gatto si svegliò , trovò vicino a lei che dormivano i suoi meravigliosi cuccioli.

Rimasero in clinica, sotto le amorevoli cure dei veterinari, finché la mamma gatto non si riprese. Grazie al suo gesto e alla sua tenacia questa mamma gatto è sopravvissuta e ha permesso ai suoi cuccioli di nascere. Oggi hanno trovato una famiglia in cui sentirsi amati.

Molti gatti purtroppo non sono così fortunati.

Tendiamogli la mano, non lasciamoli al loro triste destino.

zampa-gatto-su-mano-umana