Gatto geloso: come riconoscerlo

L’invidia è una brutta bestia, e i felini non ne sono affatto immuni. Ecco come riconoscere un gatto geloso e come comportarsi.

gatto vicino a finestra

Sono in molti a credere che i gatti non provino gelosia solo perché tendono a essere meno estroversi di altri animali. Ma questo non è vero: essi infatti sanno essere anche molto gelosi verso altri gatti, animali e persone. Anche se non passano tutto il giorno vicino a voi sono sempre molto attenti a quello che succede in casa, e se c’è qualcosa che dà loro fastidio non esiteranno a farvelo capire. Vediamo allora come riconoscere un gatto geloso.

gatto rimproverato

Cause della gelosia del gatto

I gatti sono creature molto abitudinarie e sconvolgere il loro piccolo equilibrio giornaliero può portarli a reagire anche in malo modo. Nuovi partner e nuovi inquilini (compresi i bambini) nonché nuovi animali rientrano nella categoria delle novità generalmente sgradite al gatto, ma se è particolarmente possessivo potrebbe reagire male anche se vi vede dedicare troppo tempo al vostro cellulare!

Se portate a casa un neonato e improvvisamente tutte le attenzioni – prima riservate al gatto di casa – si riversano su di lui, è normale che il micio provi un po’ di frustrazione. A volte questo può sfociare anche in stress e comportamenti autodistruttivi, soprattutto se i nuovi membri della famiglia passano molto tempo negli spazi che lui preferisce.

Segni di gelosia

Il modo in cui un gatto manifesta la propria gelosia varia a seconda del suo carattere, ma possiamo stilare una lista dei comportamenti più comuni:

  • Soffiare, ringhiare, graffiare, mordere o dare zampate quando si avvicina il loro “rivale”: di solito questo avviene nei gatti più estroversi e dall’indole dominante, per i quali la gelosia si traduce automaticamente in aggressività;
  • Ignorare i pasti, appartarsi in un angolo: queste sono solitamente le reazioni di un gatto geloso ma anche abbastanza timido e riservato; fate attenzione comunque a non sottovalutare questo comportamento se dovesse persistere, perché potrebbe anche nascondere qualche disturbo più complesso;
  • Mostrarsi più affettuosi del solito, rifiutandosi di allontanarsi da voi: se il gatto vi chiede di dedicargli più tempo del solito potrebbe trattarsi di gelosia, magari perché lo state trascurando da un po’;
  • Fare i bisogni fuori dalla lettiera (su un divano, su un letto o anche sull’oggetto della loro gelosia); mordicchiare, graffiare o far cadere oggetti in giro per casa: si tratta di palesi azioni di disturbo, piccole vendette che l’animale mette in atto per segnalare che qualcosa li sta profondamente infastidendo.

Cosa fare

Un modo efficace per prevenire una gelosia eccessiva nel gatto, con tutti i comportamenti sbagliati che da essa possono sorgere, è quello di seguire la socializzazione del vostro animale sin da quando è un cucciolo. Un gattino che non è stato abituato alla presenza di altri suoi simili nelle vicinanze o a un rapporto sereno con gli esseri umani potrebbe sviluppare, in età adulta, un rapporto di codipendenza con voi che rischia di precipitare al minimo cambiamento.

Sicuramente, però, uno dei metodi migliori per risolvere questo problema consiste semplicemente nel trascorrere più tempo con il vostro gatto. Comprategli qualche nuovo giocattolo e provatelo con lui, accarezzatelo, coccolatelo e fate in modo che non si senta trascurato. Per fargli prendere confidenza con una situazione non ancora familiare, inoltre, premiatelo con affetto e attenzioni quando si ripropone lo scenario che gli provoca gelosia (come l’avvicinarsi di un nuovo animale domestico).

È infine importante una corretta gestione degli spazi e degli oggetti di casa: assicuratevi che il vostro micio non venga privato dei suoi soliti giochi e accessori, ed evitate accuratamente di cederli a un nuovo animale.