Il gatto è il più intelligente tra l’uomo e cane

Uno studio ha dimostrato che il gatto è più intelligente del cane e forse anche dell'uomo. Questo grazie al doppio dei neuroni posseduti.

il-gatto-è-il-più-intelligente-tra-l'uomo-e-cane

L’uomo si è interrogato per anni sull’intelligenza degli animali. Nello specifico, ci si è sempre interrogati se fosse il gatto o il cane l’animale, dopo l’uomo, più intelligente.

A questa domanda, naturalmente, chi ama i gatti risponde ” gatti”, chi ama i cani risponde ” cani”.

gatto-che-legge

Forse queste risposte sono più dettate dal cuore che da una conoscenza vera e propria.
Ma adesso , forse, una risposta chiara e ben delineata c’è!

Il “New Scientist” ha studiato la struttura del cervello dei piccoli felini. Hanno scoperto che il cervello dei gatti è molto più piccolo di quello dei cani, ma contiene quasi il doppio dei neuroni che gli permettono di elaborare e processare più velocemente ed efficacemente le informazioni.

Inoltre ” New Scientist” ha dichiarato che i gatti sono molto ben predisposti al dialogo con l’uomo. Questo fattore è possibile grazie alla loro capacità di decodificare i messaggi umani e alle loro spiccate doti di apprendimento.

Ben sappiamo, inoltre, che il gatto ha delle doti terapeutiche. Ad iniziare dalle fusa. Le fusa infatti vibrano tra 1,5 e 6 giga hertz, ovvero la stessa frequenza utilizzata nelle terapie dell’artrite. Risaputo, poi, che solo accarezzandolo,
il gatto migliora il battito, la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa.

Il gatto rilascia inoltre, durante le coccole, l’ossitocina ovvero l’ormone della felicità. Non da sottovalutare poi la relazione che il gatto instaura con le persone anziane e i portatori di handicap.

gatto-con-anziana

Si è scoperto, inoltre, che i bambini che trascorrono molto tempo in compagnia di un gatto sono più protetti dalle allergie al pelo animale, da quelle agli acari, alle graminacee e dall’asma.

gatto-con-farfalla

Quindi possiamo dire che l’animale più intelligente dopo l’uomo è il gatto che, da sempre considerato un pizzico dietro il cane in quanto a intelligenza, con questo studio si piazza direttamente dopo l’uomo se non addirittura prima.