Il salvataggio di Journey, il gattino finito accidentalmente in un container (VIDEO)

journey gatto salvataggio container

Alcuni gatti non si tirano facilmente indietro quando si presentano delle difficoltà, il loro istinto di sopravvivenza li spinge a lottare, a combattere per non perire. Questo immenso coraggio è servito ad un gattino finito accidentalmente in un container cinese.

journey esperienza container shenzhen

Il curioso gatto di cui stiamo parlando si chiama Journey (Viaggio) e da come possiamo capire dal suo nome, non è nuovo a vere e proprie avventure. La sua curiosità lo fece entrare in un container nel porto di Shenzhen, Cina; da lì non riuscì a fuggire.

Le porte si chiusero e il piccolo Journey rimase dentro, solo e al buio, come nel peggiore degli incubi. La meta era Vancouver, Canada; un’odissea per il gattino, ben 22 mila chilometri per la durata di 3 settimane.

journey tre settimane container

Nessuno sa esattamente come il gatto sia sopravvissuto ad un tale viaggio, per altro senza alcun tipo di cibo commestibile. Una teoria lascia pensare che Journey sia riuscito a farcela bevendo l’acqua condensata formatasi sulle pareti del container.

Il micio non vide la luce del sole per 3 settimane, almeno fino a quando un rivenditore di vetri per auto non aprì le porte di quel container.

journey gatto trauma

L’uomo trovò il gatto traumatizzato fra gli imballaggi in plastica e la prima cosa che fece fu quella di avvertire gli ufficiali di controllo.

Questi hanno prelevato Journey e lo hanno messo in una specie di quarantena, prassi comune a tutti gli animali che entrano nel paese in modalità sconosciute. Nonostante tutto, il gatto ha ricevuto le dovute cure mediche.

journey cure dottoressa

Nella sfortuna del viaggio, il micio ha avuto la fortuna e la possibilità di iniziare in Canada una nuova vita. Dopo essersi ripreso a livello fisico, per Journey rimaneva da combattere l’aspetto mentale, quella innata paura per gli esseri umani.

journey nuova vita

Un’esperienza del genere sarebbe un trauma per chiunque, questo lo sa bene la specialista comportamentale, nonché veterinaria, Karen Van Haaften. La dottoressa si sta prendendo cura del piccolo e farà di tutto per il suo bene.