Indurre vomito nel gatto: come fare e quando

I gatti a volte mangiano cose che non dovrebbero e potrebbe essere necessario indurre il vomito, ma quando è richiesto e come fare?

I proprietari di gatti dovrebbero sapere quando è necessario e come fare per indurre loro il vomito perché potrebbe salvargli la vita. Non è un segreto che la curiosità di un gatto non abbia limiti, ma questa potrebbe portarlo ad ingerire sostanze o oggetti che sono altamente pericolosi.

Se credete o avete certezza che il vostro animale domestico abbia mangiato qualcosa di pericoloso, chiamate immediatamente il veterinario il quale vi spiegherà le regole e i rischi prima di decidere se il vomito aiuterà o danneggerà la situazione.

Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Regole per indurre il vomito negli animali domestici a casa

  • Non indurre mai il vomito senza il consenso e le istruzioni del veterinario.
  • Non provocare mai il vomito se l’animale ha consumato materiali caustici come candeggina, detergente per drenaggio, acidi o prodotti petroliferi. Il vomito può causare ustioni chimiche e possibile respirazione del materiale caustico nei polmoni (aspirazione).
  • Non indurre mai il vomito in un animale che sta già vomitando.
  • Non provocare mai il vomito se il vostro animale domestico è incosciente, debole, ha difficoltà a stare in piedi o a camminare o mostra altri sintomi.
  • Non somministrare mai più di due dosi di perossido di idrogeno e non superare mai 3 cucchiai di perossido di idrogeno.
  • Non indurre il vomito se sono trascorse più di due o tre ore dall’ingestione sospetta o nota.
  • Non indurre mai il vomito a casa negli animali con una storia di convulsioni, altre condizioni neurologiche, condizioni cardiache, recenti interventi chirurgici addominali o gonfiore.
  • Non usare mai latte, acqua con aceto, alcool, etere o altre sostanze (diverse da quelle raccomandate di seguito) per indurre il vomito nel gatto.
  • Non tentare mai di farli vomitare se ciò che è stato ingerito è un oggetto appuntito.
  • Non indurre il vomito negli animali domestici con naso corto (brachicefalico) a causa del rischio di aspirazione che potrebbe farli soffocare

Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Sfortunatamente, è difficile indurre il vomito nel gatto, questo perché il meccanismo fisiologico che genera sensazioni di nausea ed eventuale vomito nei felini è relativamente insensibile all’azione dei principali emetici usati. È anche un peccato che molti dei farmaci usati per indurre il vomito nei gatti siano in realtà sedativi e l’azione emetica è solo un effetto collaterale. Fortunatamente, alcune delle opzioni farmacologiche hanno agenti di inversione, quindi la sedazione non deve essere prolungata.

Dove efficace, la maggior parte delle opzioni induce il vomito in 5 – 10 minuti. Poiché il loro modo di agire è carente, non è generalmente utile ripetere la dose o somministrarla a una dose iniziale più elevata. Vediamo le due soluzioni più comuni per indurre vomito nel gatto in caso di emergenza.  Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Come far vomitare un gatto con il perossido di idrogeno

Il perossido di idrogeno è una sostanza tossica ma effettivamente utile per indurre il vomito quindi è necessario seguire attentamente le istruzioni della dose raccomandata. Utilizzando solo in il 3% di perossido (altrimenti il ​​risultato potrebbe essere letale) la dose consigliata è di 5 millilitri per 2,5 chilogrammi di peso. Per un gatto di 5 kg (peso medio dei gatti domestici) sarà sufficiente fornire 10 millilitri, ovvero circa due cucchiaini da tè. Per la somministrazione si dovrebbe usare una piccola siringa oppure, se non ne avete in casa, potrete usare anche un cucchiaino.

Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Tenete il gatto per le zampe o avvolgetelo in un asciugamano lasciando fuori solo la testa. Posizionare la siringa verso la guancia, tra i denti, e rilasciate lentamente un millilitro alla volta, lasciando che il gatto deglutisca. Se avete un cucchiaino da tè, invece di una siringa, seguite la stessa procedura facendo cadere il liquido tra i denti ai lati del muso. Quando il contenuto della siringa sarà finito, attendete tra i 10 e i 15 minuti fino a quando il gatto non vomiterà da solo.

Somministrare perossido di idrogeno diluito per via orale ha potenziali complicazioni. Se viene siringato in bocca troppo rapidamente e il gatto inala parte del liquido, può causare una grave polmonite da aspirazione. Inoltre, alcuni gatti sono inclini all’infiammazione del rivestimento dello stomaco (o gastrite) e il perossido di idrogeno è un irritante noto per scatenare la gastrite.

Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Come far vomitare un gatto con il sale

Non è consigliabile includere il sale nella dieta del gatto, tuttavia è uno dei sali minerali più raccomandati quando si tratta di indurre il vomito. Questa è una buona alternativa se vi state chiedendo come far vomitare un gatto senza perossido di idrogeno. Il dosaggio raccomandato è quello di mescolare tra 1 e 3 cucchiaini di sale per 250 ml di acqua, quindi assorbirlo in una siringa, piccola o grande, a seconda delle dimensioni del gatto.

Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Per la somministrazione svuotare la soluzione di acqua salata con pressione nella gola del gatto. All’inizio noterete salivazione, disagio e un tentativo di vomito. Se non accade nulla, è meglio ripetere il processo dopo 10 minuti fino a un massimo di 3 dosi. Dopo il vomito sarà essenziale rivolgersi al veterinario per escludere intossicazione o danni di qualsiasi tipo negli organi interni del gatto.

Cos’altro possiamo fare?

Nei casi in cui il gatto non abbia vomitato, potrebbe essere sottoposto a terapia di supporto. Ciò include fluidi per via endovenosa, per proteggere la funzione degli organi, e carbone attivo per ridurre l’assorbimento dei farmaci dall’intestino. Inoltre anche il clistere e i lassativi potrebbero aiutare l’animale ad evacuare facilmente e ad evitare l’assorbimento di una parte del prodotto tossico ingerito.

Indurre vomito nel gatto come fare e quando

Non dimenticate che questi sono consigli di primo soccorso che dovreste usare solo in caso di emergenza. In ogni caso, se notate che il vostro gatto è stato intossicato, dovreste chiamare il veterinario per seguire le sue indicazioni e recarvi al centro veterinario il prima possibile.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati