Joe Potter, il gatto che a Rapallo è stato salvato da un grande gesto di solidarietà

Gatto che osserva

Una bella storia di solidarietà arriva da Rapallo, con protagonista un gatto di nome Joe Potter.

Un felino sicuramente molto sfortunato ma che ha incontrato sulla propria strada le persone giuste. E grazie a queste persone, molto presto potrà stare meglio.

La storia del gatto Joe Potter è una storia che, una volta tanto, ci aiuta a credere negli esseri umani.

Gatto che osserva

Perché molto spesso vi raccontiamo storie di amici a quattro zampe maltrattati, abbandonati o peggio ancora uccisi da noi esseri umani.

Ma non dobbiamo mai dimenticarci che non siamo solo questo. L’essere umano è anche quello che si occupa dei tanti felini senza una casa, dedicando tempo e denaro al proprio benessere.

Ed è soprattutto quello che, per salvare la vita ad un gattino in difficoltà, ha dato il via ad una bellissima gara di solidarietà.

Gatto che osserva

Come detto la vicenda del gatto Joe Potter arriva da Rapallo, un comune di poco meno di 30mila anime in provincia di Genova.

È qui che questo gattino di appena 30 giorni di vita viene investito da un’automobile, riuscendo miracolosamente a sopravvivere.

Ma il bollettino del veterinario non è dei migliori: bacino e femore rotti. Per poter sopravvivere, questo bellissimo felino ha bisogno di un’operazione molto costosa.

Ed è qui che entra in gioco Chiara De Sanctis, la donna che a Rapallo ha salvato più di mille amici a quattro zampe.

Gatto che osserva

Chiara dà infatti il via ad una bellissima raccolta fondi che, nel giro di pochissimo tempo, supera ogni record.

Grazie alle tante donazioni, infatti, sono stati raccolti 3 mila euro in appena 150 ore. Adesso Joe è pronto per la sua operazione.

Inizierà molto presto il suo percorso di cure e, siamo sicurissimi, troverà anche una famiglia. Molto presto, dunque, potrà finalmente essere felice.

La storia di Joe Potter è dunque la storia di un gatto che deve la sua salvezza alle tante persone che si sono preoccupate per lui. E dunque una volta tanto possiamo dirlo: viva gli esseri umani!