Gatti randagi: rapper lascia la musica per salvarli

Sterling Davis, noto rapper, ha lasciato l'industria musicale per dedicarsi alla sua passione: i gatti. Li salva dalle strade e ha creato una sua associazione

Per fortuna non sono poche le storie simili a questa, di persone famose o benestanti che decidono di lasciare la loro vita agiata per dedicarsi ai più bisognosi. Come nel caso del rapper Sterling Davis, che ha abbandonato l’industria musicale per salvare i gatti randagi dalle strade.

uomo con trasportini

Durante una pausa dal rap tour, il cantante residente ad Atlanta ha fatto domanda di lavoro ad un rifugio per gatti della zona. Davis aveva voglia di inseguire per un po’ la sua passione di amante dei gatti, ma il mondo che si è trovato di fronte varcata la soglia del rifugio lo ha completamente assorbito. Dopo aver scoperto la realtà di molti gatti in difficoltà, il rapper ha deciso di lasciare la musica per seguire la sua vera vocazione: salvare i gatti.

Davis ha chiamato la sua band e ha comunicato che non sarebbe più tornato in tour; per gli altri membri è stato uno shock, ma il rapper aveva delle nuove e più importanti priorità. Il ragazzo coltivava la passione per gli animali sin da bambino e da sempre era un proprietario di gatti. Non aveva mai vissuto però la realtà di un rifugio, e questa gli ha cambiato la vita.

uomo con maglietta da amante dei gatti

Il rapper è con il tempo diventato un esperto del TNR (TrapNeuterReturn), ovvero la tecnica di contenimento dei randagi che consiste nel catturare i gatti, castrarli o sterilizzarli, per poi liberarli nuovamente in natura. Questo secondo Davis è il metodo migliore nonché il più umano per contenere il numero dei randagi; per questo motivo si è fatto portavoce di questa tecnica.

Davis ha salvato centinaia di gatti dalle strade con il TNR e cerca di coinvolgere e sensibilizzare quante più persone possibili grazie alla sua notorietà. Particolare obbiettivo del ragazzo sono le donne e gli uomini di colore. “Al rifugio della contea, non c’erano né uomini né neri che lavorassero nel dipartimento dei gatti”, ha detto. “Quando uscivo e facevo TNR con tutti i miei amici, erano tutte donne. Ecco chi mi ha formato. Alla fine ho fatto la difficile domanda: ‘Dove sono tutti i ragazzi e dove sono tutti i neri?‘”

gatti in gabbia-trappola

Dopo 5 anni di lavoro sul campo, Davis ha fondato una sua organizzazione no profit, la TrapKing Humane Cat Solutions. Siamo felici che al mondo esistano persone come lui, pronte a dedicarsi al prossimo e a mettere a disposizione dei più bisognosi tutte le loro risorse e abilità.

LEGGI ANCHE: Il loro scopo era salvare un gatto, invece hanno scoperto un’intera cucciolata bisognosa d’aiuto

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati