Rovigo: gatti torturati per divertimento. È caccia al colpevole

Gatto nero che osserva

Arriva da Rovigo l’ennesimo brutta notizia ai danni dei nostri amici a quattro zampe, con protagonisti gatti torturati e maltrattati per mano di uno sconosciuto.

Purtroppo, chiunque di voi abbia un felino a gironzolare per casa, sa bene quanto sia angosciante aprirgli la porta e lasciarlo libero di esplorare il mondo.

Gatto che fissa

Anche se i gatti hanno bisogno di queste ore all’aria aperte, per ogni proprietario c’è sempre molta preoccupazione nel lasciare il proprio amico a quattro zampe libero scorrazzare per il mondo.

Perché si sa, là fuori è pieno di pericoli per i nostri animali. Macchine che sfrecciano per le strade, o animali pericolosi, tanto per fare alcuni esempi.

Gatto che fissa

Ed anche, purtroppo, persone che si divertono ad utilizzare la violenza sui felini. Una vicenda simile arriva dalla provincia di Rovigo, dove molti proprietari di gatti hanno denunciato quanto detto.

Il tutto inizia con il solito passaparola su Facebook. Persone che si lamentano di un determinato avvenimento e altre persone che si accodano con vicende simili. E, in poco tempo, è chiaro che si tratta dello stesso colpevole.

Una ragazza ha raccontato quanto avvenuto al suo amico a quattro zampe. Era sera quando dalla finestra lo ha visto tornare a casa.

Cucciolo di gatto che fissa

Camminava barcollando, evidentemente ferito. In un primo momento, la ragazza ha pensato che avesse litigato con un altro animale.

Quando però ha potuto osservarlo da vicino ha subito capito che gli animali non c’entravano niente. Quelle ferite erano opera di un’altra bestia, purtroppo umana.

il suo amico a quattro zampe aveva moltissime ferite sul corpo. Qualcuno gli aveva addirittura strappato le unghie.

Gatto che fissa arrabbiato

Al suo racconto si sono uniti i racconti di molti altri abitanti di Bottrighe, in provincia di Rovigo, con altrettanti gatti che hanno subito la stessa violenza.

Sembra chiaro, dunque, che dietro a questi episodi si nasconda la stessa persona. Qualcuno che dunque si diverte a torturare i gatti.

I proprietari hanno già sporto denuncia e le indagini sono partite. La speranza è che il colpevole di questi atti così crudeli possa essere presto individuato.