Storia di una gatta fortunata

La storia di una gatta fortunata che grazie all'amore di una volontaria e di una famiglia é riuscita a sopravvivere.

storia-di-una-gatta-fortunata

Un uomo trovò in un cortile, in mezzo alla terra e detriti, tre piccoli gattini. Lì portò immediatamente in un rifugio per animali, per fargli avere le cure necessarie. I gattini erano in condizioni pessime e solo una piccola gattina nera sopravvisse. Purtroppo, però, sviluppò una grave forma di tricofitosi. Il rifugio gli fornì medicine e shampoo adatti, ma continuava a peggiorare. Fu inserita quindi nell’elenco dei trasferimenti di soccorso che necessitavano di affidi a mani esperte. Una volontaria dell’associazione di salvataggio di animali Hearts Alice Collage, la prese quindi con se.

gattino-malato

La gattina fu chiamato Kay. Quando la volontaria lo portò a casa, lo staff che gli aveva prestato le prime cure, la informò che aveva una tigna gravissima. Era molto emaciato, coperta da una forfora secca persistente e una evidente alopecia. Straordinariamente riuscì a passare la sua prima notte a casa della volontaria. Ma la strada per la salvezza era lunga e tortuosa. La volontaria le somministrò per parecchio tempo dei farmaci sottocutanei per reidratarla, dei farmaci per via orale e shampoo specifici.

 

gattino-nero

Kay era molto confusa, triste e non si lasciava avvicinare facilmente. La volontaria purtroppo per non farsi contagiare dalla tigna, doveva usare i guanti per toccarla e per stringerla accanto a lei doveva avvolgerla in delle coperte. Kay inoltre non mangiava e veniva nutrita con l’ausilio della siringa. Poi si riprese. La tigna era scomparsa. Mostrava però problemi comportamentali e di socializzazione. Si temeva per un futuro affido. Una famiglia però, che possedeva già un gatto e un cane la prese con se, nonostante fin da subito le fu spiegato della lunga malattia e dei problemi comportamentali che aveva. La famiglia la accolse amorevolmente e senza pregiudizi. Oggi Kay, vive felicemente con la sua nuova famiglia e i suoi fratellini.

due-gatti-nella-poltrona