Arrestato un gatto che portava marijuana ai detenuti; il gatto criminale però è riuscito ad evadere

Si è visto spesso nei film: animali di ogni genere addestrati dai detenuti per farsi portare degli oggetti o per compiere dei reati al posto loro. Eppure nessuno avrebbe mai pensato che questa cosa potesse succedere anche nella realtà. A quanto pare però, qualcuno in Russia, doe avviene questa vicenda, non si è lasciato scoraggiare dalla follia della questione ed ha provato a replicarla. A quanto pare la sua perseveranza è stata ripagata, e un gatto nero è diventato l’illegale corriere di marijuana all’interno del carcere.

penitenziario

La storia è venuta a galla solo qualche giorno fa, quando la polizia penitenziaria della colonia penale numero 4 di Ivanovo, città della Russia europea centrale a trecento chilometri circa a nordest di Mosca, ha catturato un gatto sospetto. Il micio camminava vicino al muro di cinta e cercava un modo per intrufolarsi all’interno del penitenziario; dopo una prima analisi era già evidente che il felino trasportava qualcosa all’interno del suo collare.

Dopo aver preso l’agile gatto tutto nero, la polizia ha scoperto il carico segreto: 5,21 grammi di marijuana. Il gatto doveva essere il miglior amico di molti detenuti, ma gli agenti non potevano di certo permettere che questo scambio illegale andasse avanti. Per questo motivo il micio è stato “arrestato”, per fermare lo spaccio degli stupefacenti e per indagare sulla loro origine.

gatto porta marijuana nel collare

Alla prima occasione buona però, il gatto dedito alla mala vita, ha trovato il modo di scappare. Il felino è dunque evaso dal carcere sotto gli occhi di tutti, confermando la sua predisposizione per la vita da criminale. Al momento le indagini da parte della polizia russa sono ancora in corso, ma sarà improbabile che il micio si faccia vedere di nuovo.

LEGGI ANCHE: Gatto rimane con la testa bloccata in un tubo nel tentativo di catturare un topo; i pompieri hanno dovuto rianimarlo

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati