Baffo, il micetto cieco cerca una famiglia

Questo meraviglioso gattino cieco sta cercando una famiglia che si prenda cura di lui e che lo ami per sempre

La storia di questo gattino di nome Baffo non è iniziata nel migliore dei modi, ma potrebbe avere un lieto fine inaspettato se qualcuno gli aprisse il suo cuore. Lui è diventato cieco ma non ha perso la speranza di essere felice.

I volontari che si stanno occupando di lui stanno facendo di tutti per trovargli una casa. Il piccolo Baffo la merita e per questo con un post su Facebook, hanno parlato di lui per trovare la persona giusta. Da qualche parte ci sarà un umano disposto a prendersi cura di lui.

“So che esistono momenti in cui un bel calore avvolge il mio corpicino ed il brusio intorno alla mia stanzetta si fa più presente. E poi altri momenti, in cui tutto è silenzio e si avverte un pochino di fresco, ma non è piacevole, dà tanto di solitudine”, scrivono i volontari parlando di lui.

E ancora: “Con le zampette individuo la mia copertina e mi sistemo per riposare. Il nasino mi guida verso la ciotola, che a quanto pare, per magia, si riempie sempre. Vi dico cosa vorrei. Vorrei vivere sempre quei bei momenti di tepore“.

“Vorrei che il nasino mi guidasse non solo verso la pappa e la lettiera, ma anche verso il profumo di mamma e/o papà; e che le mie orecchiette tanto carine, ascoltassero un nome pronunciato con gioia, il mio nome”. Ed è proprio questo ciò che desidera Baffo: una famiglia che lo ami.

Questo meraviglioso micio ha soli 3 mesi e si trova in provincia di Bari, ma può essere adottato ovunque. Baffo ha soltanto bisogno di essere amato e capito. Non merita di restare solo perché i suoi occhietti non ci sono più.

Aiutiamolo a trovare la persona giusta. Lui ha bisogno di essere felice e merita di essere amato. Per avere informazioni su di lui, potete cliccare sul post di Facebook qui in alto. All’interno troverete un numero di telefono da poter contattare per chiedere di lui. Non ignoriamolo, lui ha bisogno di una casa per sempre!

LEGGI ANCHE: Roberta, la gatta randagia che ha chiesto aiuto

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati