Colpo di calore nel gatto: come riconoscerlo e cosa fare

Gatto al sole

Adesso che le temperature si sono decisamente alzate, parlare del colpo di calore nel gatto è effettivamente d’obbligo.

Vi abbiamo già parlato di gatti che soffrono il caldo e di come proteggerli. Oggi, invece, parliamo di come riconoscere questa pericolosa condizione e di tutte le cose da fare per aiutare i nostri amici a quattro zampe.

Gatto sdraiato su una sdraio

Iniziamo dicendovi che, ovviamente, i nostri felini non soffrono il caldo come noi. I gatti sono abituati alle alte temperature e hanno una temperatura interna che va dai 38° ai 40°.

Detto questo, non è comunque raro assistere al fenomeno del colpo di calore nel gatto. Questo perché in generale i nostri amici a quattro zampe adorano stare al sole e, a volte, lo fanno più di quanto non dovrebbero.

Gatto sdraiato in spiaggia

I sintomi e i rimedi

Uno dei primissimi sintomi che si manifesta quando il nostro gatto è soggetto ad un colpo di calore è la sudorazione eccessiva. Anche se i felini hanno un modo diverso dal nostro di sudare, potrete accorgervene con un po’ di attenzione.

I gatti sudano soprattutto sotto le zampe, nella zona dei cuscinetti, e vicino alla zona genitale. Oltre a questo, il felino apparirà decisamente affaticato, con una respirazione strana, quasi come se soffrisse di asma.

Gatto che dorme

Il suo respiro sarà molto più affannoso del solito. Il gatto avrà la bocca aperta e terrà la lingua di fuori, quasi come se non potesse prendere aria. Nei casi più gravi, comincerà ad accumularsi bava alla bocca del vostro felino, che sarà soggetto a forti tremori.

Cosa dobbiamo fare se ci accorgiamo che il nostro gatto ha un colpo di calore? Il consiglio numero uno, come sempre, è quello di rivolgervi al vostro veterinario di fiducia. Come lui, infatti, nessuno saprà risolvere la situazione.

Colpo di calore nel gatto

Oltre a questo, però, ci sono alcuni piccoli accorgimenti che potrete mettere in atto. Innanzitutto, evitate il ghiaccio che avrebbe solo un effetto contrario, impedendo al calore di uscire.

La prima cosa da fare è mettere il vostro felino all’ombra e in un luogo più fresco possibile. Potrete poi bagnare il vostro amico a quattro zampe utilizzando dei panni umidi, in zone particolari come la fronte, il collo o le ascelle.

In ultimo, assicuratevi che il vostro gatto sia ben idratato. Fatelo bere, anche con l’aiuto di uno spruzzino per bagnargli il muso e la bocca.