Duo, il gattino nato con due facce che vuole essere felice

È Duo il nome del gattino protagonista di questa storia, un felino decisamente molto speciale.

Purtroppo il destino non ha riservato grandissimi regali al gatto protagonista di questa vicenda. Un felino che ha quattro mesi ma che nessuno sa se potrà davvero sopravvivere.

Il nostro amico a quattro zampe è infatti nato con una strana malformazione. Duo, infatti, è un gattino che ha letteralmente due facce.

Il-gattino-Duo

Il gatto è nato con due bocche, due nasi e ben tre occhi e mezzo. Non è appena è venuto al mondo, sua madre lo ha rifiutato.

Non sapendo come comportarsi, i suoi proprietari hanno chiamato la loro veterinaria, la Dottoressa Ralph Tran.

Gatto-con-due-facce

Dal momento che il piccolo felino aveva bisogno di assistenza medica 24 ore su 24, la donna ha deciso di portarlo a casa con sé e di farlo vivere insieme ai suoi altri otto gatti.

Ralph ha dichiarato che la prima volta che ha visto Duo ha pensato che si trattasse di un caso di gemelli siamesi. Eppure, non è così.

Il nostro amico a quattro zampe ha un solo corpo, ma la sua faccia è come sdoppiata. Ha quattro zampe, una coda ma, come detto, ha due bocche, due nasi e addirittura tre occhi e mezzo.

Gattino Duo

E tutto funziona alla perfezione. Duo soffre di una rarissima malformazione chiamata diprosopia, ovvero di una rara duplicazione craniofacciale.

Non è il primo gatto a soffrirne ma, purtroppo, delle esperienze passate non restano belle testimonianze.

Tutti i felini che hanno sofferto di questa malformazione non sono sopravvissuti molto. L’unica eccezione è il gatto Frank e Louie, un felino che è vissuto ben 15 anni con la sua faccia doppia.

Gattino con due facce

Ralph non sa dire quanto potrà sopravvivere il gattino Duo. Ad oggi sta sicuramente prendendo peso e questo gli permetterà di essere sottoposto agli interventi chirurgici di cui necessità.

Allo stesso tempo, però, per lui è difficilissimo imparare a vivere. Solo per fare un esempio non riesce a mangiare dalla ciotola, indeciso su quale delle due bocche utilizzare.

La speranza comunque è che presto riesca a fare una vita come tutti gli altri gatti. Lo sappiamo bene, in fondo, che i nostri amici a quattro zampe non si arrendono mai. Come testimonia la storia di Arlo, il gattino “diverso” che ha iniziato ad essere felice.

Articoli correlati