Gatto fa arrestare involontariamente uno spacciatore di droga

Per quanto assurdo possa sembrare, un gatto, del tutto involontariamente, ha contribuito all'arresto di uno spacciatore; qui la vicenda.

gatto-con-marijuana

Un gatto si è reso involontariamente protagonista di un arresto. E non si è nemmeno esposto in prima persona. Andiamo con ordine e raccontiamo la vicenda dall’inizio. Ci troviamo in un paesino della Val D’Ossola, Crevoladossola, situato nella regione del Piemonte.

gatto-che-dorme

Due uomini hanno iniziato a litigare e dai toni alti, sono passati, ben presto alle mani! Vi chiederete voi: quale potrebbe essere stato il motivo di una così violenta lite? la risposta fornita agli agenti è questa; uno dei due uomini, è proprietario di un gatto. L’altro, un ragazzo di 27 anni, ha accusato il primo, nonché vicino di casa, che il gatto gli ha sporcato il giardino con escrementi e ha rovinato il terreno con delle buche.

gatto-con-piante

Ovvio, che il gatto non aveva la minima intenzione di provocare una così accesa lite. Comunque il vicinato, allarmato dalle urla e dalle botte, ha chiamato i Carabinieri.

I carabinieri, una volta arrivati sul posto e aver sedato la lite, hanno iniziato ad interrogarli, per capire meglio la vicenda. Il ragazzo 27enne, ha deciso comunque di sporgere denuncia contro il vicino di casa. I Carabinieri hanno quindi richiesto, per compilare il verbale e formalizzare così la denuncia, di potersi sedere all’interno della sua abitazione. Il ragazzo all’improvviso è diventato schivo, non voleva farli entrare accampando delle scuse inverosimili. Una veloce perquisizione da parte delle forze dell’ordine, alquanto insospettiti da quel comportamento, ha portato alla luce ben otto piante di marijuana.

gatto-che-ammicca

Partiamo dalla premessa che la marijuana è considerata illegale se il suo Thc, ovvero la sostanza psicoattiva contenuta nella piantina, è superiore allo 0,6 %. Se invece rientra al di sotto di questa percentuale non è considerata illegale e chi la detiene deve conservare l’etichetta e le ricevute di acquisto ( l’uso deve essere strettamente personale).

Tornando alla vicenda, i Carabinieri, hanno verificato che le piantine erano detenute illegalmente e sicuramente volte alla vendita illegale. Nell’abitazione poi, hanno scovato anche 20 semi di canapa indiana e 131 gr  marijuana.

carabinieri-con-refurtiva

Naturalmente per il ragazzo è scattato l’arresto. Il merito si deve al gatto, che seppur involontariamente, ha contribuito a scovare uno spacciatore e provocarne l’arresto. Chissà cosa ne pensa il gatto-eroe? Chissà se ha mai sentito parlare di un altro gatto che si è rivelato un particolare gatto antidroga?