Jojo, il gattino rimasto intrappolato per giorni dentro un muro

Questo bellissimo micio ha avuto la fortuna di incontrare una volontaria che lo ha tirato fuori da dentro un muro

La storia di questo gattino di nome Jojo non è iniziata nel migliore dei modi, ma si è conclusa con un bel lieto fine! Era rimasto intrappolato dentro un muro e ci sono voluti due giorni prima che uscisse salvo da quel brutto posto.

Una volontaria di nome Erin che lavora per il rifugio Wrenn Rescues situato a Los Angeles, ha accolto il gattino che ha salvato. La donna lo ha preso con sé dopo che il piccolo ha attraversato un calvario. Non poteva lasciarlo solo.

Infatti, il micio ha avuto una bruttissima esperienza. Lui è rimasto intrappolato dentro a un muro per ben due giorni. Solo quando i volontari lo hanno tirato fuori fi lì e lo hanno curato è iniziata la sua bellissima vita che, ora, è ricca d’amore.

Ci è voluto molto tempo per tirarlo fuori dal muro e una volta uscito, era in pessime condizioni. Era ricoperto di terra, era affamato e anche disidratato. Ma la sua fortuna è che ha incontrato la volontaria Erin che lo ha aiutato a riprendersi.

Infatti, la donna si è presa cura del micio assicurandosi che mangiasse del buon cibo e, soprattutto ha seguito i consigli del veterinario che aveva visitato Jojo. Inizialmente per farlo mangiare c’è voluto l’aiuto di un sondino.

Ma dopo pochi giorni, il gattino ha iniziato a riprendersi alla grande e a mangiare con gran gusto. Grazie a Erin questo micetto ha ricevuto l’amore di cui aveva bisogno per crescere e per riprendersi completamente dal brutto trauma appena subito.

Con molto amore e molta pazienza, però, Jojo è cresciuto alla grande e pian piano sta mostrando a tutti il suo caratterino. Lui è un giocherellone e si sta godendo la compagnia della sua nuova umana adottiva. Ora è in ottima salute e aspetta solo di trovare la famiglia giusta con cui poter vivere per sempre! Noi gli auguriamo buona fortuna, se la merita!

LEGGI ANCHE: Nala, la gatta che ha portato un biglietto speciale alla sua famiglia

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati