L’amore di un gatto per il padrone, i segnali

Gatto e fusa

Anche il gatto prova amore verso il proprietario, un affetto spesso profondo e intenso ma meno scenografico di quello canino e dimostrato in modo più discreto ma comunque efficace. Mentre il cane si lancia in effusioni, versi, scodinzolate caotiche e rotolamenti, il gattone domestico preferisce dimostrare il suo amore con tecniche più eleganti e spesso discrete. Abile maestro del linguaggio non verbale preferisce dichiarare tutto il suo affetto attraverso messaggi da codificare ma non certo meno efficaci, in particolare per un occhio attento e allenato come quello del proprietario. Cade così l’immagine classica e tradizionale del gatto come animale indipendente, scontroso, diffidente, opportunista, refrattario allo scambio di effusioni e avido di amore. È solo una questione di indole personale e di comportamento, perché Fufi ama profondamente: basta imparare a riconoscere i segnali più importanti.

Affetto ed empatia

Il gatto conduce una vita casalinga piena di comodità e prelibatezze ma queste opportunità non hanno scalfito la sua indole da predatore, un istinto primordiale che non ha perso con la domesticazione ma che emerge attraverso il quotidiano. È proprio questa predisposizione a comandare i suoi gesti rendendolo in apparenza distaccato e indipendente, in grado di controllare le emozioni, la tensione e le paure ma anche capace di un affetto puro e sincero. Non dipendendo direttamente dall’uomo il gatto riesce a stabilire con lui un rapporto profondo, un’intensa empatia e un sentimento puro pari a quello materno e fraterno. Un legame dove la reciproca protezione è in grado di tranquillizzare i rispettivi animi, un esempio sono proprio le fusa che mamma gatta mette in atto per rasserenare i cuccioli, espressione di serenità e amore incondizionato.

Sguardi e vocalizzi

Gatto e occhi
Gatto e occhi

La sfera emotiva del gatto è molto complessa e articolata, come i segnali di amore che lancia verso il proprietario: imparare a riconoscerli è importante per una convivenza perfetta. Uno sguardo attento e profondo indica curiosità e attenzione nei confronti dell’umano, se poi è corredato da un battito di ciglia è sinonimo di amore. Il gatto è rilassato e tranquillo e sta comunicando il suo affetto, per ripagare lo sforzo potrebbe rivelarsi utile rispondere nello stesso modo. Anche la voce è importante, i suoi vocalizzi e miagolii esprimono tenerezza specialmente se vengono corredati dalle fusa.

Lingua, fusa e carezze

Gattini
Gattini

Non è un animale espansivo e per questo i suoi tocchi leggeri equivalgono a piccole carezze, come le mini leccatine che riportano in vita il legame tra madre e figlio: il gatto si prende cura dell’umano leccandolo per pulirlo e per tranquillizzarlo. Impossibile non citare le fusa, spesso accompagnate da un movimento ripetitivo delle zampe: il gatto sta impastando; anche in questo caso una gestualità che rimanda all’infanzia messo in atto dai cuccioli sul ventre materno durante l’allattamento. Nulla di più intimo e forte di questo piccolo movimento che dichiara fiducia e amore.

Linguaggio del corpo

Gatto

Molti gatti dimostrano affetto con il linguaggio del corpo ad esempio strofinandolo contro le gambe del proprietario, oppure camminando in mezzo alle stesse o anche mostrando il ventre per ricevere qualche carezza, fino a sonnecchiare sulle gambe dell’umano: in questi casi l’amico si affida completamente mostrando la sua fiducia. L’amore passa attraverso tanti altri piccoli gesti come la testa sfregata contro il corpo del proprietario, oppure accettando di farsi prendere in braccio, quindi abbracciare e baciare, oppure dormendogli accanto, attendendo il suo rientro dal lavoro o seguendolo ovunque per casa fino a portargli qualche piccolo dono di ritorno dalle scorribande in esterna come topi, lucertole e uccellini morti.