Oomi, il gattino cieco che ha aiutato la sua proprietaria a riprendersi dopo un incidente (video)

La storia di Oomi, il gattino cieco che ha aiutato la sua proprietaria a riprendersi dopo un incidente (video)

Gattino cieco

Il protagonista della storia e del video di oggi si chiama Oomi ed è un gattino cieco che oggi vive la sua vita felice.

Guardando questo bellissimo felino viene spontaneo pensare che Oomi abbia sempre vissuto di amore e felicità.

La realtà però è ben diversa, perché Oomi ha dovuto sopportare molto dolore e molte sofferenze prima di conquistare la sua felicità.

Era il 2016 quando i volontari della ASPCA Kitten Nursey di Manhattan lo hanno trovato per le strade della città.

Oomi non aveva molti mesi di vita, ma la sua sopravvivenza sembrava già appesa ad un filo. La dura vita da randagio sembrava aver avuto la meglio su di lui e una brutta infezione agli occhi rischiava di ucciderlo.

Per fortuna però l’intervento dei veterinari è stato tempestivo. Oomiè stato portato via dalla strada e poi curato, anche se purtroppo è rimasto cieco.

Alla fine del percorso di cure, il gattino era pronto per trovare una famiglia. I volontari del rifugio sapevano che non sarebbe stata un’impresa facile.

Ma non avevano fatto i conti con Cerena. Cerena vide per la prima volta Oomi su Facebook. Si innamorò a prima vista del felino, anche se non era sicura che fosse un buon momento per adottare un animale.

La ragazza aveva infatti subito un brutto incidente stradale dal quale faticava a riprendersi. Non poteva però dimenticare quel musino così dolce e alla fine decise di adottarlo.

Oggi Cerena sa che Oomi le ha salvato la vita. Grazie alla sua presenza è riuscita a riprendersi dall’incidente e oggi sono entrambi felici.

Il gattino cieco Oomi ha anche un profilo Instagram ricco di foto e video seguito da più di 42 mila persone. Insomma, una vera e propria rinascita la sua.

A proposito di rinascite feline, ecco la storia di Rex, il gattino che ha perso le zampe anteriori e parte della coda che oggi è una star.