Perché i gatti hanno paura dei cetrioli?

Perché i gatti hanno paura del cetriolo? Assurdo per quanto possa sembrare, esistono delle spiegazioni alquanto logiche per questa strana reazione da parte dei nostri amati felini.

Gatti e cetrioli: perché ne hanno paura? Vi sarà sicuramente capitato, soprattutto negli ultimi tempi, di trovare in rete svariati video di scherzi giocati ai gatti e con i cetrioli dai loro padroni (alcuni esempi potete trovarli nella video-compilation in fondo a questo articolo), i quali, piazzando un cetriolo alle spalle dell’inconsapevole gatto, scatenano una reazione di improvviso spavento con salti in aria e corse sfrenate (con il rischio che i poveri micetti possano anche farsi del male sbattendo da qualche parte o rompendo qualcosa). Ma perché accade?

Spiegazione e significato

I gatti, sia liberi in natura che domestici, sono predatori molto attenti ai quali piace avere sempre il controllo, per questo motivo abbassano di rado la guardia a meno che non si trovino in un luogo familiare che li faccia sentire al sicuro. In realtà i gatti non hanno paura dei cetrioli in quanto tale, ma in quanto rappresenta quel qualcosa che in questo caso li prende alla sprovvista in un momento di bassa guardia (come per esempio il momento in cui mangiano).

Come il cetriolo, ogni oggetto ignoto posizionato furtivamente alle spalle di un gatto all’interno del suo ambiente domestico (e quindi dove il gatto si sente più al sicuro) può potenzialmente provocare la medesima reazione di improvviso e inaspettato terrore (facendo inoltre impennare i suoi livelli di adrenalina e cortisolo). Per calarvi un attimo nei panni del gatto, pensate a quale potrebbe essere la vostra reazione se improvvisamente vi spuntasse qualcuno o qualcosa (soprattutto se sconosciuto) alle spalle in un ambiente per voi sicuro come può essere una qualsiasi stanza di casa vostra.

Un’altra spiegazione per questo fenomeno relativo a gatti e cetrioli, a detta di alcuni esperti del comportamento degli animali, può essere trovata nella possibilità che i gatti confondano i cetrioli con dei predatori, come ad esempio i serpenti (per via del colore verde e della forma allungata), e che di conseguenza, consapevoli dell’improvvisa minaccia che questi animali mortali rappresentano, scatta immediatamente in loro l’istinto di scappare il più in fretta e lontano possibile.

Gli avvertimenti degli esperti su questi scherzi

Queste dunque le ragioni del perché i gatti hanno paura del cetriolo. Per quanto innocui e divertenti questi scherzi possano sembrare ad alcune persone, in realtà possono arrecare del serio stress emotivo e psicologico al nostro amato gatto, che potrebbe restare in uno stato di shock per diversi giorni e non sentirsi più al sicuro all’interno di quella che per lui era la sua zona di confort. Questo stress può essere manifestato nei gatti in svariati sintomi: inappetenza, diarrea, problemi ad utilizzare la lettiera, improvviso comportamento aggressivo, caduta del pelo, stato di agitazione e così via.

Quindi, dal punto di vista del benessere dei gatti, scherzare coi cetrioli non è una buona idea. Come spiega Jill Goldman, esperta in comportamento animale che lavora nella California del Sud:

Non è un comportamento corretto causare stress a un animale. Se lo fate solo per il gusto di riderci su, viene da chiedersi dove sia finita la vostra umanità.

E John Bradshaw, esperto in comportamento felino dell’Università di Bristol e autore del libro Cat Sense, aggiunge che:

Questi video (sui cetrioli, ndr) sono un vile incitamento a spaventare il proprio gatto, per poi permettere ad altre persone di ridicolizzarlo. La reazione istintiva del gatto è quella di scappare il più rapidamente possibile, per poi studiare la situazione da lontano. È uno scherzo crudele nei loro confronti.

È importante dunque evitare qualsiasi tipo di scherzo che possa creare inutile stress al nostro adorato animale domestico. Per qualcuno sarà divertente guardarne la reazione, ma questo scherzo con i cetrioli non fa sicuramente bene ai gatti!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati