Gatti che si allontanano da casa? Ecco perché scappano (+ consigli)

Perché i gatti sterilizzati scappano di casa? Analizziamo le motivazioni che spingono i gatti sterilizzati ad allontanarsi dal proprio ambiente familiare.

Perché i gatti si allontanano da casa, che siano sterilizzati o non? I gatti, animali di natura curiosa e cacciatrice, posseggono sin dalla nascita un istinto che li porta a girovagare ed esplorare l’ambiente che li circonda. Questo istinto è innato nello stesso modo sia nei gatti domestici sia in quelli selvatici. C’è da dire però, che nonostante la sua spiccata curiosità e propensione all’esplorazione, il gatto non è affatto un animale nomade ma abitudinario, e se lasciato libero di girovagare, normalmente, non si spinge troppo oltre i limiti del suo territorio.

Ricerca di un partner con cui accoppiarsi

Solitamente uno degli impulsi principali che spinge i gatti (soprattutto maschi) ad allontanarsi dal proprio ambiente domestico è l’istinto di riproduzione. Allora, come abbiamo detto uno dei motivi principali per cui i gatti si allontanano da casa è la ricerca di un partner con cui accoppiarsi. Questa ricerca, che riguarda soprattutto i maschi e ad ogni modo i gatti non sterilizzati o castrati, può portare un gatto domestico a mancare da casa per giorni o addirittura settimane.

Noia, curiosità o stimoli esterni

Nel caso in cui il micio sia castrato (escluso quindi l’istinto riproduttivo), esistono ugualmente altri fattori che possono spingere il vostro gatto ad allontanarsi da casa. Questo bisogno può essere semplicemente sintomo di noia o curiosità, per cui ogni stimolo proveniente dall’esterno è sufficiente a spingerlo ad andare alla ricerca dell’ignoto. Animali da rincorrere e cacciare come una farfalla, un piccione, un uccellino, una lucertola, o un altro gatto con cui magari giocare, sono esempi di stimoli esterni all’ambiente domestico che possono titillare la curiosità del vostro micio.

Cambiamenti nella routine quotidiana

Altri fattori che possono portare il gatto ad allontanarsi da casa sono drastici cambiamenti nella loro routine quotidiana. Questo è indice di uno stato di disagio dell’animale che, in quanto profondamente abitudinario, sentendosi destabilizzato da un cambiamento improvviso, può decidere di allontanarsi (temporaneamente e restando nei paraggi, o in alcuni casi in maniera definitiva) per analizzare la situazione e decidere se e quando fare ritorno a casa. Alcuni esempi di drastici cambiamenti all’interno del proprio ambiente domestico e conseguentemente nella loro routine possono essere: l’arrivo in casa di un neonato, la presenza di un estraneo o di altri animali in casa, la costante presenza di odori sgradevoli al gatto, o un improvviso trasloco.

Come abbiamo detto, un gatto che si sente a disagio potrebbe anche decidere di non tornare a casa, per questo motivo è sempre importante fare in modo che qualsiasi cambiamento nella vita di tutti i giorni non sia mai repentino ma introdotto lentamente, dando così modo al micio di abituarsi.

Pericoli ai quali il gatto può andare incontro

Per quanto un gatto possa essere abituato ad allontanarsi e ad esplorare le zone circostanti, può sempre andare incontro a tanti pericoli, a seconda anche del contesto nel quale è ubicata la sua casa. Durante l’esplorazione, è possibile che il nostro micio resti coinvolto in lotte per il controllo del territorio con altri gatti, o che venga aggredito da un animale di stazza più grande. Le eventuali ferite riportate possono essere lievi o addirittura mortali. Anche le ferite lievi, come quelle procurate da un altro gatto (ad esempio graffi e morsi), non sono affatto da sottovalutare poiché possono derivarne infezioni e malattie.

Sebbene il gatto sia in possesso di un buon senso dell’orientamento, nell’allontanarsi dal suo ambiente, potrebbe anche smarrirsi e non riuscire a ritrovare la via di casa (questo soprattutto se il gatto non è solito andare in perlustrazione), di conseguenza il nostro povero micetto potrebbe incontrare qualche difficoltà nel procacciarsi del cibo e diventare malnutrito.

Infine, il nostro amato amico peloso, potrebbe correre il rischio di essere investito da un’automobile nel caso dovesse trovarsi improvvisamente in mezzo al traffico urbano.

Misure di sicurezza per prevenire la fuga del gatto

Valutati i vari rischi che il gatto potrebbe correre nel caso dovesse allontanarsi da casa, è buona idea cercare di prevenire che ciò accada seguendo alcuni consigli e attuando le dovute misure di sicurezza. Ad esempio, se il vostro gatto abita in appartamento, è necessario assicurarsi che eventuali finestre e ringhiere dei balconi siano ben recintate. Se possedete un giardino e lasciate che il vostro gatto possa scorrazzare tranquillamente al suo interno, accertatevi che anche questo sia adeguatamente recintato così da impedire al vostro gatto di uscirne e ad altri animali di accedervi.

Se pensate che l’ambiente casalingo non fornisca abbastanza stimoli e possa arrivare ad annoiare il micio, soprattutto quando non siete in casa, potete creare uno spazio che contenga tutta una serie di giochi, passatempi e punti di relax per fare in modo che l’animale abbia tutto ciò di cui ha bisogno già all’interno del suo ambiente familiare.

È giusto sottolineare che è anche fondamentale spendere del tempo con il vostro amico peloso, non solo giocando ma dandogli tutto l’amore e l’affetto possibile. Di certo il micio ve ne sarà molto grato.

Mezzi efficaci per ritrovare il gatto

Al giorno d’oggi esistono vari modi di ritrovare un gatto che è scappato da casa oppure che si è smarrito. Per prima cosa è buona abitudine attrezzare il vostro gatto con un collarino. Ormai in commercio ne esistono di tutti i tipi, materiali e colori, alcuni possono contenere al loro interno un indirizzo, il nome del proprietario e il suo numero di telefono, per far si che il gatto possa essere riportato facilmente a casa. Esistono anche dei collarini dotati di un dispositivo GPS collegato tramite bluetooth, wifi o rete 2G/3G al vostro smartphone. Questi collarini di ultima generazione hanno molte funzionalità interessanti, tra le quali il monitoraggio della posizione in tempo reale, o la possibilità di ricevere un avviso se il vostro animale dovesse uscire fuori da un’area da voi preimpostata.

Come fare a ritrovare il vostro micio nel caso in cui si smarrisca e non possegga un collarino di ultima generazione? Due dei metodi più efficaci nel ritrovamento di un animale scomparso sono: i social network e il volantinaggio. Oggigiorno la pubblicazione di annunci (o post) con annessa foto su social network, come ad esempio Facebook, sono un’arma molto efficace poiché permettono di allertare più gente possibile in un attimo e con il minimo sforzo. I classici volantini invece, con stampata foto, descrizione dell’animale e i vostri dati personali, sono sempre utili da distribuire nella zona in cui abitate, in modo che i vostri vicini o i negozianti della zona possano darvi una mano nel caso dovessero avvistare il micio.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati