Unico nel suo genere: questo gatto speciale e antichissimo esiste e vive solo su un’isola italiana

Il gatto selvatico sardo è una specie molto elusiva e fotografarlo è praticamente impossibile

L’Italia è un territorio pieno di tesori. Che si tratti di flora, fauna o arte non ha importanza: il nostro paese ne è pieno. Ci sono, in ogni parte d’Italia, specie poco conosciute ma comunque rarissime. Una di queste è il gatto selvatico sardo. Come dice il nome, questo particolare felino è presente solo in una meravigliosa isola italiana: La Sardegna. Oggi vi parliamo di questa particolare specie.

Gatto si trova su un ramo
Pixabay

Cominciamo dal suo inquadramento sistematico. Il gatto selvatico sardo è conosciuto anche come Felis Silvestris Sarda. Secondo la maggior parte degli studiosi, avrebbe dei legami con il Felis Lybica, meglio conosciuto come gatto fulvo d’Egitto o gatto Africano. Per di più secondo alcune leggende, sarebbe sbarcato sull’isola dalle navi dei Fenici. Inoltre, a confermare la sua origine africana, ci sarebbe anche la sua morfologia.

Infatti il gatto selvatico sardo è lungo dai 50 ai 70 cm. Con queste dimensioni è più piccolo del gatto europeo, che invece misura fino a un metro e venti. Il suo pelo è grigio con le striature più scure. Questo felino è uno tra i più elusivi che si conoscono, sia per l’habitat che per le abitudini. In ogni caso, il suo habitat è la foresta mediterranea sempreverde.

Si nutre di piccoli roditori, anfibi, rettili, piccoli uccelli ma anche di lepri e conigli. Ha l’abitudine di affilarsi le unghie sui tronchi degli alberi. Così facendo lascia anche tracce olfattive per segnare il suo territorio. Questo felino si riproduce una volta l’anno e le nascite ci sono sempre tra maggio e giugno. Quelli legati all’accoppiamento sono per il gatto selvatico sardo gli unici momenti di socialità.

Leggi anche:Il gatto cresciuto con una famiglia di conigli ha tutta l’intenzione di diventare vegetariano

Il gatto selvatico sardo è molto raro, rientra nelle specie protette grazie a una legge regionale del 1998, ed è molto difficile riuscire a fotografarlo.

E voi? Conoscevate questa specie protetta? Fatecelo sapere nei commenti!

Leggi anche: Il gatto è diventato così “rotondo” che tutti pensano sia una micia incinta: il proprietario stufo decide di agire

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati