Vongole ai gatti: perché fanno bene e come includerle nella loro dieta

Scopriamo i benefici di questo alimento per i nostri batuffoli.

vongole-gatti

I gatti si nutrono principalmente di carne, poiché dalle proteine animali traggono la loro principale fonte di energia.

Per i felini è molto importante anche il pesce, un’altra fonte alimentare indispensabile per la salute del gatto. Molti proprietari però si chiedono se anche le vongole ai gatti – che sono frutti di mare – si possono dare in tranquillità oppure no?

La taurina: perché serve ai gatti

vongole-gatti

Tra gli amminoacidi essenziali di cui ha bisogno il gatto c’è soprattutto la taurina.

Quando quest’ultima non è sufficiente nella loro alimentazione, i gatti possono  soffrire di cecità, cardiomiopatia dilatativa o avere problemi di fertilità.

La taurina, contenuta nelle proteine di origine naturale, fa bene ai gatti perché è antiossidante, stimola la crescita muscolare ed è utile alla salute della retina dell’occhio.

Dove si trova questa sostanza

gatto-taurina

Per somministrare la taurina al gatto, la cosa migliore da fare è includere nella dieta dell’animale le proteine organiche, di qualità.

In ciascun pasto, il gatto può assumere fra i 200 e i 300 mg di taurina – tuttavia la cosa migliore da fare è chidere al veterinario.

La maggiore concentrazione di questo amminoacido si trova nel topo, che per un gatto rappresenta un alimento ideale.

Dato che per i proprietari risulta impossibile  nutrire un gatto con topolini, si deve bilanciare l’apporto di proteine, grassi, minerali e vitamine con altri alimenti che contengono un’abbondante concentrazione di taurina, tra cui le vongole o il tonno.

Le vongole nell’alimentazione del gatto

gatto-mangiare

I frutti di mare, gamberetti e vongole, contengono dosi molto elevate di taurina e sono dunque ottimi alimenti da dare al gatto, ma solo come un pasto occasionale e non come parte di una dieta regolare.

Dare al gatto sempre e solo vongole non rappresenta di certo una dieta equilibrata, dunque si può includere questo alimento, ma sempre all’interno di una dieta varia e adatta al vostro amico a quattro zampe.