Zanica, passa dal condotto dell’areazione per poi fuggire via, inizia così il caso del gatto Pinko

Il gatto appena arrivato nella sua nuova casa sarà rimasto disorientato, ciò molto probabilmente avrà portato alla conseguente fuga di Pinko

Una storia recente, fresca per certi versi, perché lo smarrimento di Pinko è stato denunciato a poche ore di distanza dal momento in cui scriviamo. Nonostante ciò, le ricerche sono attive e tutti sono in pensiero per le sorti di questo dolce micio. Pinko si è perso nella notte tra il 12 e il 13 marzo, nel comune di Zanica, provincia di Bergamo.

Sui social è apparso l’appello, fin da subito condiviso e ricondiviso da moltissimi utenti; questo semplice gesto, spesso ignorato ma dall’importanza gigantesca, ha permesso alla vicenda di giungere fin sotto i nostri occhi e non solo. Perciò aggiungiamo anche la nostra di voce tra quelle che gridano a più riprese: che fine hai fatto Pinko?

Sembra che il piccolo smarritosi da poche ore sia giunto nella sua nuova (ed attuale) casa in tempi prossimi; magari per una questione di ovvio ambientamento, forse per una naturale paura di ciò che non si conosce, il micio sarà andato nel panico e avrà tentato una fuga, riuscendovi con successo. Come sia accaduto forse lo sappiamo.

gatto pinko due anni di vita

A quanto pare l’europeo dal pelo folto ha sfruttato l’apertura di un condotto d’aereazione per sgattaiolare via. I proprietari se ne sono accorti in prima mattinata ed hanno diffuso l’allarme in men che non si dica. Si cerca un maschio di due anni o poco più, sicuramente disorientato, intimorito e poco incline al contatto. Munito di microchip.

Si cercano volontari nella zona di Zanica (altresì nei paesi circostanti) che siano in grado di aiutare. La mobilitazione per salvare la vita di questo gatto deve essere massima, non è complicato capire il perché. Da Via Mozart (Zanica) sono partite le operazioni di ricerca; si pensa come il gatto abbia trovato un nascondiglio e vi sia rimasto.

gatto occhi grandi e scuri

Possibile? Certo che si. In molti condividono l’ipotesi e non a torto; se si venisse a scoprire qualcosa, il numero lasciato nell’appello social corrisponde al seguente: 327 467 4129. Auguriamo il meglio per la conclusione di questa storia, che Pinko possa tornare presto nella sua casa, dalla sua famiglia!

LEGGI ANCHE: Mestre, gatto nero con pettorina viene smarrito, riportarlo a casa è la priorità assoluta

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati