6 consigli di base per migliorare la qualità e la durata della vita del tuo gatto

Seguendo questi consigli è possibile prenderti cura del tuo gatto nel migliore dei modi

Tutti vorremmo avere più tempo da passare con i nostri amici a quattro zampe. Ma si può migliorare la qualità e la durata della vita di un gatto? Certo che è possibile! Ma come? Puoi seguire questi 6 consigli di base per prenderti cura di lui al meglio.

Per garantire al gatto una vita in salute e longeva, tutti dovremmo seguire questi consigli. Far vivere il proprio micio nel migliore dei modi non è così difficile come sembra. Si tratta di un animale facile da accudire, ma con delle esigenze che è bene non dimenticare di soddisfare. Vediamo qui sotto alcuni utili consigli.

1. Offrire cibo di qualità

Il primo passo per rendere felice il tuo migliore amico è proprio quello di scegliere per lui dell’ottimo cibo. Un’alimentazione di altissima qualità, infatti, gli permette di assimilare tutti i nutrimenti necessari a vivere una vita in perfetta salute. Questa è una scelta che deve essere fatta con attenzione!

2. Permettere al gatto di esprimere comportamenti tipici della specie

Si sa che nell’ambiente domestico è un po’ più difficile mantenere i comportamenti tipici del felino, ma con gli stimoli e i giochi giusti, anche in casa i gatti possono divertirsi! Con dei tiragraffi alti, nascondigli e giocattoli che simulano la caccia, il tuo migliore amico sarà felicissimo!

LEGGI ANCHE: Gattino viene coccolato e lavato dalla propria padrona come se fosse in una spa (VIDEO)

3. Prevenire parassiti

É importante portare il tuo gatto dal veterinario periodicamente per farlo controllare. La prevenzione è la cura migliore anche contro i parassiti interni ed esterni. É sempre meglio evitare ricette casalinghe e affidarsi ad un esperto.

4. Seguire il calendario delle vaccinazioni

Verso la settima settimana di età, i gattini iniziano a sviluppare il proprio sistema immunitario. Proprio in questa fase è importante iniziare il primo ciclo di vaccini. I tipi di vaccini che vengono somministrati possono variare da gatto a gatto. Questo dipende dall’ambiente in cui vive e dalle abitudini del suo umano. Le vaccinazioni obbligatorie sono tre e sono conosciute con il nome di “trivalente”, poiché proteggono da tre malattie facilmente trasmissibili e molto pericolose per il gatto: la rinotracheite (herpesvirus del gatto), la calicivirosi (calicivirus del gatto) e la panleucopenia (o gastroenterite virale), collettivamente note come RCP. Oltre a questi, è importante fare i richiami annuali. Sarà il tuo medico veterinario a consigliare e attuare un protocollo vaccinale appropriato alle esigenze individuali del tuo gatto.

5. Evitare cure fai da te

In qualità di suo proprietario, è tua responsabilità assicurarti che il gatto non soffra e che non abbia dolori e malattie. Dovresti fargli fare un controllo al minimo dubbio sulla sua salute. I felini si sa, non hanno la propensione a chiedere aiuto e siamo noi a dover capire i loro comportamenti.

6. Proteggerlo dai pericoli ambientali

É importante assicurarsi che tutte le vie di fuga siano a prova di gatto. La tendenza a esplorare nel micio è innata e fortissima e questo lo porta spesso a mettersi in pericolo. É essenziale anche che medicinali, piante tossiche, prodotti chimici ecc., siano fuori dalla portata del tuo migliore amico. Per evitare il peggio, è fondamentale prendere le giuste precauzioni!

LEGGI ANCHE: Sì, queste foto dimostrano davvero che i gatti sono agenti segreti in incognito

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati