Anche il Maryland fa un importante passo contro i Puppy Mills

La legge è del 2018 ma grazie ad essa si stanno vedendo i frutti della lotta ai Puppy Mills

Più e più volte, abbiamo avuto modo di parlare dell’orrore dei Puppy Mills. Forse, però, non tutti ricorderanno di cosa stiamo parlando. La traduzione letterale di Puppy Mills è “Mulini di cuccioli”. Questi, sono dei luoghi in cui cagnoline e gattine vengono costrette ad avere gravidanze continue, ovviamente a scapito del loro benessere fisico e psichico. La motivazione? Queste continue gravidanze servono perchè nei negozi siano disponibili cuccioli di razza tutto l’anno. Ovviamente, in vari posti nel mondo e con diversi metodi, si è cercato di bloccare questa barbarie. Uno degli stati che ha lavorato attivamente per porre fine a questo è il Maryland.

La legge del Maryland frena i Puppy Mills
Credits: Pixabay

Già nel 2018, grazie governatore Larry Hogan, è stato possibile avere una legge che va a colpire il punto nevralgico dei Puppy Mills: la vendita al dettaglio di cani e gatti. Infatti, grazie al No More Puppy and Kitten Mills Act, le autorità hanno imposto il divieto di vendere animali allevati a fini commerciali che troppo spesso provengono da allevamenti disumani.

Prima di potersi procurare un cucciolo destinato alla vendita, i negozi al dettaglio dovranno accertarsi dell’esistenza di alcuni requisiti. Il cucciolo, infatti, potrà provenire o da un’organizzazione per il benessere degli animali, dal controllo degli animali, dall’allevatore originario (se soddisfa i criteri previsti dalla legge).

Ovviamente, sin dall’inizio, questa legge ha suscitato molte polemiche. Moltissimi negozianti, infatti, avevano addirittura deciso di intraprendere un’azione legale contro il governatore. Di fatto, però, qualche anno è passato e questa legge ha dato i suoi frutti.

Leggi anche: Gatto esegue un’acrobazia sbalorditiva insieme alla padrona

Infatti, con la legge pienamente operativa, già è venuto fuori qualche trasgressore. La pena per questi trasgressori? Salatissime multe. Un caso, balzato alle cronache proprio quest’anno, ne è la prova.

Voi cosa ne pensate? Questa legge con le relative sanzioni è utile per frenare il dilagante fenomeno dei Puppy Mills? Fatecelo sapere nei commenti!

Leggi anche: Mary, la gatta che ha bisogno dell’aiuto di tutti per farcela

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati