Come sollevare il gatto senza fargli e farci male?

Ci vuole metodo in tutto e, per essere dei bravi mamma e papà per i nostri pet, dobbiamo sapere come sollevare il gatto nel modo più corretto. I dettagli

Mettiamo subito in chiaro una cosa: va fatto solo quando strettamente necessario e nel rispetto del benessere psicofisico del nostro amico a quattro zampe.

Questo gesto lo mette in atto la mamma gatta quando vuole proteggere il proprio cucciolo. Non si tratta solo di un’abitudine felina: lo fanno anche i cani e i loro cugini lupi. Ecco perché all’augurio “in bocca al lupo” si risponde “viva” o “grazie”.

Stiamo parlando di come sollevare il gatto nel modo giusto, per la collottola. È un gesto che richiama il rapporto tra mamma e gattino, ma come possiamo metterlo in atto senza danneggiarlo?

Uno sguardo d’insieme

gatto sollevato

Non c’è nulla di sbagliato o di pericoloso se a mettere in atto questa pratica è la mamma oppure un esemplare della stessa specie che ha il fine di preservare la salute. Diverso se a prendere un gatto siamo noi: dobbiamo essere addestrati a farlo e non esagerare con la frequenza.

Come sollevare il gatto non è un dettaglio di poco conto. Prendersi cura del proprio amico a quattro zampe, colui che fa parte della famiglia a tutti gli effetti e al quale non vorremmo mai succedesse nulla di male, è una responsabilità precisa ma anche un piacere. Imparare a prendere un gatto è uno dei nostri compiti da ‘neogenitori’.

Il linguaggio di Miao

come prendere il gatto

Prima di tutto però è bene precisare quanto sia importante conoscere il linguaggio dei gatti correttamente. Solo così possiamo rispettare al meglio la loro natura e non fare nulla che possa essergli di disturbo o addirittura deleterio.
Questo gesto è bene farlo solo ed esclusivamente quando è necessario e non per gioco. Uno dei contesti più azzeccati, ma si spera non frequenti, riguarda la somministrazione di un medicinale. Dare una pillola al gatto non è la cosa più semplice del mondo, anche in questo caso ci vuole tecnica e alcune nozioni di base.

La questione è complessa e su di essa c’è molta confusione. Il nostro obiettivo è quello di fare chiarezza e di mostrare pro e contro, in maniera tale che si possa accudire l’amico a quattro zampe in maniera consapevole e senza danneggiarlo.

Un comportamento naturale

gatto che gioca

Come sollevare il gatto? Come già accennato, quando a prendere per la collottola un gatto è la mamma non c’è nulla di cui preoccuparsi. Siamo di fronte a un gesto secolare, che ha le proprie ragioni di esistere e che serve a preservare il piccolo felino, certamente non ci sono altri fini. Se vediamo un gatto adulto tenere per il collo un gattino non allarmiamoci.

Una precisazione è d’obbligo: il gatto maschio che attacca il gattino potrebbe essere il suo papà. In questo caso si tratta di una questione territoriale e di accoppiamento mancato che può fare accadere qualcosa che per noi è fuori dal mondo, ma che in quello felino è plausibile. Ecco perché è importante allontanare il papà dalla cucciolata quando è particolarmente aggressivo.

Il giaciglio di mamma e piccoli deve essere al sicuro. In questo modo, oltretutto, sapremo sempre chi è ad afferrare i cuccioli e possiamo star tranquilli. Succede soprattutto quando non sono ancora del tutto autonomi e aiuta a rafforzare il legame materno, indispensabile in una fase così delicata della socializzazione. La gatta lo fa quando è necessario uno spostamento.

Come prendere in braccio un gatto

gatto sulle gambe

Oltre a imparare come sollevare il gatto, dobbiamo capire quando farlo: quando abbiamo una ragione precisa. Può essere necessario fare in modo che segua una cura prescritta dal proprio veterinario di fiducia, ma è bene che avvenga nel modo corretto. In maniera tale da non provocare fastidio o dolore alla nostra piccola palla di pelo. Per quanto possa sembrare una pratica facile, non è scontato che si è in grado di farlo.

Tutto dipende dalla manualità. La nostra non può essere paragonata a quella proverbiale di mamma gatta. E non è opportuno peccare di presunzione. Soprattutto se siamo alla prima esperienza, allora, affidiamoci a un etologo esperto in comportamento felino.

Se non è strettamente necessario, è consigliabile coccolarlo prendendolo in braccio o invitandolo ad accucciarsi accanto a noi piuttosto. Teniamo sempre a mente che il rapporto tra bipede e quadrupede deve essere rispettoso di tutti gli attori in gioco. In determinati contesti, poi, può essere utile sapere come parlare al gatto.

Bloccare un gatto aggressivo

collottola del gatto

Tra i contesti in cui però a essere oggetto delle nostre attenzioni non è per forza un cucciolo ma un gatto adulto, c’è il comportamento che riguarda l’aggressività possessiva del gatto o il nervosismo in generale che può sfociare in atteggiamenti pericolosi per l’incolumità di terzi.

Ogni gatto, infatti, ha una personalità e un carattere ben definiti. Capita anche che prendere un gatto per la collottola sia la nostra intenzione ma che Miao non sia d’accordo. Allora come possiamo sollevare il gatto in maniera tale che non reagisca in maniera spaventata, di impulso e pronto a graffiare? Può tornare utile sapere come curare l’ansia del gatto.

Pure il gatto adulto è meglio prenderlo in braccio, anche se occorre avere metodo anche in questo caso. Molto lo fa la predisposizione con cui il nostro amico a quattro zampe interagisce con noi e fino a che punto ci permette di spingerci nell’invasione di campo.

La collottola

gatto al sole

Per non sbagliare, prima di tutto è bene fare in modo che Miao sia tranquillo e rilassato. Non intromettiamoci, se già sappiamo che non è ben disposto, nervoso. Inoltre, anche noi dobbiamo essere sereni, altrimenti rischiamo di trasmettere il nostro stato d’animo all’amico a quattro zampe.

In secondo luogo è consigliabile giocare con Micio, fargli delle coccole extra e fargli capire che è tutto ok, che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Solo dopo questo approccio preliminare, possiamo prendere un gatto in braccio.
Ecco come sollevare il gatto: l’importante è non forzarlo, se ci fa capire che non vuole e non ci sono stati di necessità impellenti, riproviamo in un secondo momento cercando di assecondare la sua natura.

Con una mano prendiamolo per le zampe anteriori, con l’altra teniamolo per il didietro e troviamo la posizione più comoda per lui. Alcuni esemplari amano stare a contatto con il petto dell’umano che considerano famiglia, un porto sicuro.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati