Gatto Soriano, origini e storia: tutto su questo micio così particolare

Origini del Gatto Soriano? Ecco delle informazioni che ci aiutano a scoprire qual è la sua storia.

Quali sono le origini del Gatto Soriano? Da dove viene questo splendido esemplare dal pelo tigrato e dall’aspetto dolce e simpatico? Scopriamo insieme quello che c’è da sapere su di lui.

Gatto Soriano: le origini più antiche

gatto sull'albero

Chi è il gatto Soriano? Da dove viene? Quali sono le sue origini? Cerchiamo di scoprire in breve quali informazioni caratterizzano la vicenda e la storia di questo conosciutissimo esemplare.

Il Gatto Soriano, a quanto dicono le testimonianze, ha origini davvero molto antiche. Sembra che la sua storia abbia inizio in tempi davvero molto lontani da noi, che si collocano addirittura nel 2000 a. C.. Il luogo geografico al quale appartengono gli antenati del Soriano fa riferimento all’antico Egitto. Ci sono poi anche delle teorie che sostengono la sua comparsa anche in Siria, territorio dal quale prenderebbe il nome stesso.

A quest’epoca appartiene il famoso Felis Silvestris Lybica, un gatto selvatico molto diffuso ai tempi dell’antico Egitto che, in un certo momento della storia, cominciò ad entrare nei contesti domestici e a venire addomesticato. Col passare del tempo, gli appassionati si resero conto della bellezza, della dolcezza e dell’eleganza di tale esemplare, tanto da arrivare a considerarlo come un animale sacro degno di venerazione e rispetto.

È abbastanza noto, infatti, quanto i gatti fossero effettivamente preziosi al tempo dell’antico Egitto. Infatti, essi erano quasi associati alle divinità, tanto da essere venerati, rispettati e trattati come tali. Oltre ad essere dei simboli di raffinatezza e meraviglia a livello estetico, i felini erano così importanti anche in virtù delle loro qualità. Ottimi cacciatori ed eccellenti predatori, non solo liberavano le case e i terreni da eventuali roditori disturbanti, ma avevano insite in loro anche qualità magiche o mistiche.

Quando si scoprì la grande disponibilità del Soriano nei confronti dell’uomo e la sua propensione alla socialità e all’ambiente domestico, gli Egizi non poterono più fare a meno della sua compagnia. Andando avanti nella storia, infatti, l’antenato di quello che oggi è il Soriano rimase per secoli e secoli un ricercatissimo compagno di vita e segno di buon auspicio.

La facilità con cui conquistò la fiducia e l’amicizia dell’uomo portarono questi gatti inizialmente selvatici a diffondersi in modo sempre maggiore. Giunsero anche fra il popolo dei Fenici, i quali investirono soprattutto in una caratteristica tipica di tali felini: la caccia. Essendo stati abituati a vivere per moltissimi anni allo “stato brado”, gli antichi Soriani erano diventati dei cacciatori professionisti per sopravvivenza.

Questa loro qualità tornò utile anche all’uomo. Infatti, i Fenici stessi, oltre al rispetto e alla dignità che concedevano a questi esemplari, li utilizzarono anche come predatori per i ratti che invadevano le loro navi da spedizione. In presenza di tali felini, nessun altro animale avrebbe più disturbato le loro esplorazioni.

Intraprendenza e fama: l’approdo in Italia

gatto soriano pelo tigrato

La testardaggine, la combattività ma anche lo spirito tenace e determinato di questo antenato del Soriano fece contraddistinguere questi esemplari a tal punto da renderli sempre più famosi anche in territori più lontani. Così, le testimonianze raccontano di come tali felini giunsero nel XVII secolo fino a Venezia.

La città, che al tempo era distrutta dalla diffusione sempre più intensa e devastante della famosa peste che colpì l’Italia nel corso del 1600, trovò negli antichi Soriani dei “salvatori“. Infatti, molti di questi esemplari furono importati fino a Venezia con uno scopo ben preciso.

Dato che ormai era abbastanza nota la loro fama, alcuni appassionati decisero di investire i Soriani di cariche davvero molto importanti. In virtù delle loro qualità di perfetti predatori e ottimi cacciatori, dovevano aiutare a gestire la situazione drammatica che aleggiava sulla città.

Dunque, si decise di lasciarli scorrazzare liberi per Venezia con l’obiettivo di far loro acciuffare quanti più ratti o animali “nocivi” possibili. Questo avrebbe aiutato a migliorare le condizioni igieniche dell’intero territorio e, dunque, salvaguardato un minimo anche la vita degli abitanti.

Chiunque conosca un minimo la storia di Venezia, infatti, sa benissimo quanto i gatti siano sempre stati molto venerati e degni di rispetto e sacralità. Essendo la posizione della città facilmente soggetta all’arrivo di animali di ogni genere, gli abitanti si sono dovuti adattare come meglio potevano. I felini erano ottimi per questo tipo di compito, specialmente i Soriani.

Mano a mano, la diffusione del gatto Soriano divenne sempre più rapida, fino a farlo diventare davvero molto famoso e conosciuto in gran parte del continente. Ma come divenne una vera e propria razza ufficialmente riconosciuta? Vediamo qualche altro dettaglio a riguardo.

Informazioni generali

soriano sguardo tenero

Dopo aver fatto questa carrellata sul gatto Soriano, vorremmo ora parlare di un altro aspetto importante. Abbiamo sottolineato che deriva da antichissimi felini presenti già dai tempi dell’Antico Egitto. Ma allora come si arrivò ad ottenere l’esemplare che conosciamo noi oggi?

Il gatto Soriano è una razza che si è creata in modo del tutto naturale, senza l’intervento dell’uomo. Infatti, in epoche davvero poco recenti, alcuni gatti selvatici che avevano la caratteristica del pelo tigrato si sono accoppiati naturalmente. Mano a mano che gli incroci proseguivano, si arrivò alla creazione di una sorta di “nuovo standard”.

Come abbiamo già accennato, il nome “soriano” potrebbe derivare dalla terra di primissima origine di questo felino, ovvero l’antica Soria, nonché attuale Siria. Cosa sappiamo di certo riguardo le origini del gatto Soriano? Ecco un breve ma funzionale riassunto della sua storia e qualche dettaglio che lo ha reso famoso e conosciuto:

  • prime comparse: attuale Siria, poi Egitto, a seguito Venezia, infine resto del mondo;
  • ottenuto tramite accoppiamenti avvenuti naturalmente fra gatti selvatici della tipologia tabby;
  • grandi prestazioni di cacciatore: per questo che si utilizzò spesso come predatore per roditori;
  • eccellenti capacità pratiche: ottimo cacciatore;
  • disponibilità alla socializzazione e al rapporto con l’uomo.

Ecco dunque che oltre alle capacità tipiche di quello che poi sarà definito Soriano, c’è anche dell’altro. Questo gatto, da quando cominciò ad interagire con l’uomo, si è sempre reso non solo disponibile, ma anche sensibile, affettuoso, dolce, tenero e molto propenso all’amicizia e al dialogo.

Questo lo ha reso un ottimo compagno di vita, non soltanto per le doti da predatore, ma anche per il suo carattere. Fu così che, mano a mano, entrò nell’ambiente domestico non solo come esemplare da venerare, ma come componente essenziale e membro della famiglia.

Quali sono le caratteristiche principali che descrivono tale felino? E soprattutto: come possiamo riconoscere un gatto appartenente alla razza che poi è stata ufficialmente riconosciuta con il nome “Soriano”?

Primo elemento tipico: il pelo. Come si presenta il manto del Soriano? La specialità è una tipologia di pelo conosciuta con il nome “tabby“. Questo significa che il suo manto è caratterizzato da diverse varietà:

  • uniforme: ticked tabby;
  • tigrato: mackerel tabby;
  • maculato: spotted tabby;
  • marmorizzato: classic/blotched tabby.

Questo elemento è determinante per considerare l’appartenenza alla razza. Il mantello può avere più colori insieme, fino ad un massimo di tre diverse tonalità (cosa che si presenta soprattutto negli esemplari femmina). Inoltre, i gatti della razza Soriano hanno anche un’altra peculiarità. Sulla fronte è presente una macchia di colore striato che solitamente tende a formare una sorta di “M”.

Di norma, il pelo del Soriano ha un colore che fa da sfondo (che può variare la sua sfumatura cromatica); in base a quello, poi, si delineano le altre tonalità che vanno a sfumare il resto del corpo, dal tronco, al petto, alle zampe.

Insomma, il Soriano è un gatto davvero molto particolare, dalla storia affascinante e intrigante. Però, si deve considerare un aspetto: accoglierlo in casa non è una passeggiata! O meglio, bisogna mettere in conto che il Soriano è un gatto davvero iperattivo, dinamico, divertente, energico e vivace. Non passerà momento in cui non avrà qualcosa da fare o dei posti da esplorare.

Ciò non significa che non sarà disponibile nei nostri confronti, anzi! Tuttavia, ha bisogno di muoversi e di sfogare tutte quelle energie che tiene accumulate nel suo corpo.

Bestseller No. 1
Trasportino Gatto Traspirante, Trasportino Cane Taglia Piccola Viaggio Aereo con Accessori - Borsa Morbida per Gatti Cane Cuccioli meno di 6.3kg 28x43x28cm
  • BORSA TRASPORTINO PER CANI, GATTO FACILE DA TRASPORTARE - lo zaino per gatti o lo zaino per cani taglia piccola si porta facilmente sulla spalla o a mano, lo zaino gatto è perfetto per i viaggi con il vostro animale da compagnia, può anche attaccarsi a una valigia, o essere usato come trasportino per cani auto - la ventilazione di questa borsa gabbia per cani e gatti gli permette di viaggiare in tutta sicurezza in una borsa piccola, morbida e pieghevole
  • IL SET COMPLETO - Per rendere il vostro viaggio più confortevole, troverete nel vostro zaino viaggio per cani e gatti degli accessori per cani e gatto utili - Il nostro kit borsa cane è completo di 5 accessori gatto per il viaggio: un materasso rimovibile per un maggior comfort, una tracolla staccabile e regolabile, una piccola ciotola pieghevole, un porta sacchetti e un porta carta di identità in cuoio
  • BORSA TRASPORTINO CANE TAGLIA PICCOLA PER VIAGGIARE - La borsa gabbia per gatti, borsa per cani piccola taglia è pensata per i viaggi in aereo. Si mette facilmente e perfettamente sotto un sedile aereo, è proprio una borsa zaino gatto trasporto per la cabina aerea pratica per portare il vostro amico sempre con voi - verificate le condizioni riguardo la borsa per cani da trasporto presso la vostra compagnia aerea prima di ogni viaggio
  • MATERIALE E DIMENSIONI - La borsa zaino per gatti e zaino per cani è molto resistente e presenta una grande tasca sul davanti e una zip in metallo - la borsa zaino per cani misura 28x43x28cm, è la borsa zaino gatto e cane con peso fino a 6.3kg
  • LAVAGGIO FACILE - il materasso del trasportino gatto zaino e cane può essere facilmente tolto e messo in lavatrice a 30°C, basterà sfoderare il materasso e lavare solo la fodera, di facile manutenzione - è il kit perfetto per i viaggi lunghi
OffertaBestseller No. 1
FEANDREA Tiragraffi PE Gatti, XXL Posatoio, 164 cm, Grigio Chiaro PCT087W01
  • GRANDE: Il nostro designer di questo albero per gatti ha pensato in grande! Ed è per questo che c'è un’ampia piattaforma su ogni livello, in modo che anche i gatti grandi si sentano a proprio agio
  • PARCO DI DIVERTIMENTI TUTTO IN UNO: Pisolino, rilassamento, allungamento, gioco... questo tiragraffi per gatti con 2 grandi posatoi, 1 grotta, 1 amaca, 1 cestino, 3 palline di peluche e 1 corda di sisal offre divertimento senza fine
  • IMPORTA LA SICUREZZA: Ai tuoi gatti piace correre a tutta velocità? Possono farlo! Con una base rinforzata e un accessorio anti-ribaltamento, questo albero per gatti è sempre stabile, anche se 2 gatti vi saltano sopra
  • GALLEGGIANTE NELLA FELICITÀ: Il cestino sicuro e stabile farà sentire i tuoi amici felini come se stessero galleggiando su una piccola nuvola. Faranno sogni ancora più dolci, di sicuro!
  • RENDI FELICI I TUOI A-MICI! Vizia i tuoi gatti con questo tiragraffi in modo che non si sentano soli quando sei via e lasciali giocare e rilassarsi in tutta comodità

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati