Il gattino Ogghy torna a casa da solo dopo aver camminato a lungo

Il gattino Ogghy torna a casa da solo dopo aver percorso oltre 140 km a piedi; la storia di questo peloso ha qualcosa di surreale, ma è anche triste

Molto spesso i pelosi sono in grado di compiere azioni davvero uniche, come in questo caso; il gattino Ogghy torna a casa da solo, dopo aver camminato per 140 km da solo. Il peloso è partito da Grossetto ed arrivato a Scandicci, dove si trova la sua casa.

Il gattino Ogghy torna a casa da solo ed emoziona non solo la famiglia ma anche tutta l’Italiana; l’episodio è avvenuto nell’estate del 2015, dopo che la proprietaria ha portato con sé il gatto in vacanza in Maremma. Ed è proprio in questo viaggio che il gatto si allontana e nessuno riesce più a trovarlo; cominciano quindi immediatamente le ricerche. Tuttavia, nonostante gli appelli sui social e nonostante tutti i volantini appesi per le strade, nessuno aveva mai visto il peloso. La proprietaria, nonostante il fallimento durante la ricerca, non perse mai le speranze; sperava sempre di riabbracciare il suo dolcissimo peloso. Gatti che si allontanano da casa? Ecco perché scappano (+ consigli)

E le speranze della proprietaria non sono vane; il gattino Ogghy torna a casa e inizia a miagolare davanti alla porta d’ingresso. La padrona non credeva ai suoi occhi; dopo quasi due anni, il suo peloso è tornato a casa. La donna ha raccontato che vive con altri sette gatti; il pomeriggio in cui Ogghy è tornato, gli altri gatti hanno iniziato insistentemente a miagolare davanti la porta di ingresso. Volevano insomma che la padrona aprisse la porta; una volta aperta ha assistito ad una scena dolcissimo. Il piccolo Ogghy era lì davanti alla porta, circondato dagli altri gattini che lo leccavano. Gli stavano dando il loro ben tornato a casa. E se i I tuoi gatti domestici litigano tra loro: ecco cosa fare.

Il piccolo era tornato a casa, circondato dai suoi affetti e da tutte le sue cose; la padrona infatti aveva deciso di non buttare nulla perché in cuor suo sapeva che il piccolo non era morto e che sarebbe potuto tornare a casa da un momento all’altro. Sfortunatamente però la felicità dura sempre troppo poco; il piccolo Ogghy, qualche giorno dopo il suo ritorno, è morto. Il suo cuore non ha retto alla fatica di tutta quella strada da solo e in condizioni difficili; è morto a casa, circondato dall’affetto della sua padrona e degli altri gattini. Bisogna, infine, capire Come affrontare la morte del nostro gatto al meglio.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati