Come affrontare la morte del nostro gatto

La morte del nostro gatto è un momento difficile da affrontare e superare; non dimenticheremo mai i momenti vissuti insieme.

come-affrontare-la-morte-del-nostro-gatto

 

In questo articolo vorremo parlarvi di un momento particolarmente delicato e doloroso che tutti prima o poi devono affrontare. Ovvero la morte del proprio micio.  Se sia per vecchiaia, per incidente o a seguito di una lunga malattia il momento della scomparsa è comunque un trauma che lascia un vuoto incolmabile dentro di noi.

Tema forse ancora più doloroso e difficile da affrontare è l’eutanasia. Molti non vogliono neppur sentir pronunciare la parola, altri, vedendo forse l’enorme sofferenza che il proprio amato micio prova, optano per questa soluzione. Sicuramente è una decisione che deve essere presa con la giusta accortezza. E soprattutto con la certezza che abbiamo veramente fatto di tutto per il nostro compagno di vita.

il-gatto-che-da-zampa-a-persona

Innanzitutto sarebbe bene parlarne con il proprio veterinario, un veterinario che conosca profondamente il nostro gatto, che lo abbia in cura da diversi anni e che soprattutto non si rivolga a noi semplicemente come un veterinario, ma piuttosto come un amico, che sappia consigliarci e capire il nostro stato d’animo.

Purtroppo in molti si pentono poi della decisione presa a causa dei mille dubbi che sovvengono; “ Avrò fatto la cosa giusta?”, “Mi sarei dovuto rivolgere ad un altro veterinario?”, “Avrò fatto tutto il possibile?”, ecc…

Domande che potrebbero assillarci e destabilizzare il nostro equilibrio interiore.

mano-e-zampa-gatto

Cosa fare allora? Sicuramente seguire il cuore e capire veramente quello che proviamo. La sua morte lascerà i un vuoto incolmabile, ma non dimenticheremo mai i momenti vissuti insieme, le sue abitudini, lo scambio di sguardi che ci faceva capire che avevamo un rapporto speciale. E potremmo andare avanti ad elencare tutto ciò che il nostro gatto ha saputo darci.

gatto-in-braccio

Molti consigliano di adottare con il tempo un nuovo micetto. Non facciamo però l’errore di paragonarlo allo scomparso, perché ogni gatto è unico e tale deve rimanere.