Il gattino pigro usa le scale mobili e il video conquista il web

Questo gattino è troppo pigro per usare le scale normali e decide di usare le scale mobili (video)

Gatto sulle scale mobili

Avreste mai pensato di vedere il video di un gattino che sale le scale mobili? Noi siamo convinti di no e come spesso accade oggi siamo pronti a stupirvi.

Già, perché il video virale di oggi ha come protagonista proprio un gattino che ha deciso di risparmiarsi la fatica di salire le scale e di usare le scale mobili.

Un video che neanche a dirlo ha fatto in pochissimo tempo il giro del web. Soprattutto in un periodo come questo in cui la quarantena ci costringe in casa e i video divertenti a tema amici a quattro zampe sono più di tendenza che mai.

Gatto che dorme

Da un lato, perché ci aiutano a combattere la noia tipica dell’isolamento sociale. Dall’altro perché ci aiutano a sorridere un po’. E sappiamo bene quanto sia importante riuscire a sorridere, soprattutto in un periodo come questo.

Ecco perché ogni giorno ci impegniamo per trovare i video più virali del momento. Un esempio? Ecco il video di Scampi, il gattino che ama massaggiare la schiena delle pecore.

Del protagonista del video di oggi non conosciamo l’identità. Sappiamo solo che si tratta di un gatto davvero molto pigro.

Gatto che osserva

Ma se anche voi avete un amico a quattro zampe a migliorare la vostra vita, dovreste ormai sapere che si tratta di animali abbastanza pigri.

E il gattino che vediamo nel video non ha proprio voglia di salire le scale. E allora che fa? Esattamente quello che faremmo noi esseri umani se ci trovassimo al suo posto. Usa le scale mobili.

Gatto che osserva

Esatto, il felino si incammina tranquillamente verso le scale mobili e poi si siede. E da seduto aspetta di essere arrivato fino in cima per poi riprendere il suo viaggio.

E se vi piacciono i video divertenti sui gatti, non perdetevi il video del gattino minuscolo che “ruba” la cuccia all’enorme cane.

View this post on Instagram

2019 yılın en akıllı kedisi

A post shared by Ahmet Gülçiçek (@glcckahmet) on