Il salvataggio di Winston, il gattino sfuggito ad un destino crudele (VIDEO)

Winston è stato trovato assieme ad altri gattini, ma le sue condizioni erano gravi ed una donna coraggiosa lo ha salvato

winston gattino destino

Il lavoro che svolgono le associazioni per salvare i gatti randagi è qualcosa di unico. Grazie a loro, infatti, sono tanti gli animali che ritrovano la felicità dopo un passato difficile. Tra questi c’è un piccolo guerriero, il gattino Winston.

Il ritrovamento è avvenuto grazie ad un’associazione di volontariato, la Feline Hope, situata in South Carolina. Lo staff trovò Winston assieme ad altri due gattini e li portò d’urgenza in sede.

Purtroppo, una volta giunti, i volontari scoprirono che solo Winston era rimasto in vita. La notizia, nel frattempo, arrivò ad una donna, Michelle Martello, che si interessò subito.

michelle gatto foto

La ragazza, infatti, lavorava proprio per Feline Hope e, non appena vide il gattino, capì che in lui c’era più forza di quanto sembrasse.

Winston era gravemente malnutrito e, nonostante avesse una settimana di vita, le sue dimensioni erano più piccole del normale.

Un veterinario lo visitò meglio e scoprì che il gattino era anche anemico a causa delle numerose pulci che gli avevano succhiato il sangue.

lotta vita gatto

A partire da quel giorno, Michelle si rimboccò le maniche e si prese cura di lui per tutto il tempo, dandogli tutto ciò di cui aveva bisogno.

Il sistema immunitario di Winston aveva vari problemi, quindi una malattia tirava l’altra. Il gattino, però, non sembrava affatto spaventato e continuò a lottare.

sopravvivenza gatto foto

Dopo alcuni giorni, però, iniziarono ad arrivare i primi segni di miglioramento. Winston stava finalmente recuperando le sue forze.

Il video che segue racconta il suo emozionante percorso, che sul web e social network ha conquistato i cuori di tutti gli utenti.

Si tratta di un vero e proprio miracolo ed il merito è tutto della donna che non lo ha mai lasciato solo e dell’associazione di salvataggio.

Proprio quest’ultima, assieme a tante altre, è l’unica che permette a tanti animali randagi sparsi in tutto il mondo di tornare a sorridere.