Cosa fare se il pelo del gatto diventa grasso e unto?

Micio è tutto unto come se fosse caduto in un secchio di olio? Scopriamo perché può accadere e come risolvere questo problema

Ti è mai capitato di vedere che il pelo del tuo gatto, da morbido e soffice quale era, è diventato grasso e unto come se Micio si fosse immerso in un secchio di olio? Tranquillo, nella maggior parte dei casi non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Può capitare quando i gatti se ne vanno a zonzo fuori dalle mura domestiche, quindi si intrufolano in spazi non proprio pulitissimi. Ed ecco che quel bel mantello a cui siamo abituati diventa lercio.

In questi casi basta un apposito bagnetto, da fare rigorosamente con prodotti specifici. Ma se ci fosse dell’altro? Ecco allora tutte le ragioni per cui il pelo del gatto diventa grasso e unto e come possiamo risolvere questa situazione.

Gatto sovrappeso

gatto grasso

Il pelo del gatto può diventare grasso e unto quando Micio mette su qualche chilo di troppo. Non significa che l’aumento del grasso corporeo si ripercuote anche sul mantello, piuttosto quando il gatto è sovrappeso o peggio obeso comincia a essere più letargico del solito. E ciò lo spinge a non pulirsi più, come farebbe di solito.

L’obesità, poi, porta il gatto a essere più corpulento e pesante e quindi può rendere difficili anche i movimenti più normali. Accade proprio come a noi bipedi che, quando prendiamo peso, non riusciamo a essere agili come al solito. Se Micio non può muoversi liberamente è naturale che non riesca a toelettarsi.

Prova dolore

gatto che miagola

Anche il dolore è una ragione sufficiente per impedire a un gatto di effettuare la sua pulizia quotidiana, perché il povero Micio non riesce a muoversi normalmente e quindi placa il suo istinto da “maniaco delle pulizie”. Pensaci bene, tutto questo rappresenta un doppio disagio perché da un lato Micio sta male e ha evidentemente un problema di salute, mentre dall’altro non può soddisfare il suo bisogno di igiene.

Le ragioni possono essere tante dalle artriti, che compromettono la naturale mobilità degli arti, alle malattie dentali, che portano il Micio a non usare la bocca, sua fonte primaria di pulizia. Ma possono esserci altri problemi di salute alle spalle di questo problema come l’ipertiroidismo e tutte quelle malattie che rendono il gatto troppo stanco e debole.

Seborrea

gatto con il pelo grasso

Ci sono casi in cui il pelo del gatto diventa grasso e unto a causa di una malattia della pelle che si chiama seborrea. Si tratta di un problema della pelle cronico, che alcuni gatti ereditano dai genitori e che provoca una produzione eccessiva di sebo. Che la pelle di Micio lo produca è assolutamente normale, ma se aumenta a dismisura questa secrezione oleosa inizia a ricoprire tutto il pelo quasi come se lo inzuppasse nel grasso. Ecco il perché di questo aspetto unto.

La seborrea oleosa (così si chiama in questi casi) può avere diverse cause, interne ed esterne al Micio. Da una parte può essere la conseguenza di una anomalia nel processo di cheratinizzazione delle cellule della pelle, mentre dall’altra può avere origine da fattori come parassiti, carenze nutrizionali, allergie o malattie endocrine.

Cosa fare

gatto che si pulisce

A meno che Micio non sia un piccolo avventuriero che fa lunghe passeggiate fuori casa, sporcandosi un po’ dappertutto, non possiamo conoscere la causa di questo pelo grasso e unto se non consultando il nostro veterinario di fiducia. Come abbiamo visto i fattori scatenanti di questo problema possono essere diversi e per malattie come ipertiroidismo, artrite o anche per le carenze nutrizionali o le allergie, come per le infestazioni parassitarie, è necessaria la diagnosi di un esperto.

Una volta giunto alla diagnosi, il veterinario può prescrivere dei trattamenti specifici per risolvere il problema di salute che ha determinato a sua volta questa anomalia del pelo. Per le carenze nutrizionali, ad esempio, è necessario che il Micio segua una dieta apposita in modo da ristabilire i normali livelli dei nutrienti nell’organismo. Anche in caso di allergie dobbiamo modificare l’alimentazione del gatto, evitando cibi e sostanze che causano scompensi e reazioni allergiche. E poi naturalmente il veterinario può optare per una terapia farmacologica a base di antibiotici, antimicotici o tutto ciò che può guarire Micio, evitando che il pelo si ingrassi.

Lo shampoo adatto

fare il bagno al gatto

In genere non parliamo tanto di bagnetti quando si tratta di gatti perché, come ben sappiamo, sono animali super puliti che passano intere ore a leccarsi il mantello e completare le loro lunghe operazioni di toelettatura. Ma come abbiamo visto può capitare che un problema di salute possa indurre il Micio a non pulirsi più o ad aumentare la produzione di sebo, ungendosi tutto.

A questo punto possiamo intervenire anche utilizzando uno shampoo specifico per il pelo grasso e unto, naturalmente lasciandoci consigliare il prodotto giusto dal veterinario. Di solito questo tipo di shampoo, chiamato antiseborroico, contiene al suo interno delle sostanze che regolano delicatamente l’attività delle ghiandole sebacee, prevenendo la rapida formazione del sebo.

Precisiamo che l’uso dello shampoo non sostituisce la terapia prescritta dal veterinario, ma rappresenta un valido aiuto per normalizzare la produzione di sebo e l’attività delle cellule della pelle. Tra le sostanze “sgrassanti” che contribuiscono a risolvere questo problema e contenute negli shampoo specifici troviamo il catrame, lo zolfo, l’acido salicilico, il solfuro di selenio e il benzoil perossido.

Qualche consiglio utile

gatto avvolto in una coperta

Come tutti i gattari, non preoccuparti se sei un po’ impacciato quando si tratta di bagnetti. Del resto non siamo abituati a questo tipo di operazioni con Micio che, a differenza dei cani, riesce in genere a tenersi pulito da solo. Ma in caso di disturbi della pelle e del pelo dobbiamo istruirci e imparare a gestire il bagno nel modo giusto.

Abbiamo visto che in caso di seborrea possiamo aiutare Micio con degli shampoo specifici a base di zolfo, acido salicilico e altre sostanze sgrassanti. Ma questo non basta. Ricordiamo, ad esempio, che lo shampoo è molto più efficace sul pelo corto rispetto al pelo lungo. Ma soprattutto che, per avere il giusto effetto, lo shampoo si deve utilizzare in modo frequente, almeno due o tre volte alla settimana.

La cosa fondamentale, in ogni caso, è rivolgersi a un bravo veterinario e mai fare di testa propria. Con il prodotto sbagliato rischiamo di peggiorare la situazione, anziché aiutare Micio!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati