Perché i gatti quando stanno per morire si allontanano?

Perché i gatti si allontanano quando stanno per morire?

Quando il nostro animale domestico sta male, quello che proviamo non si può descrivere. Si tratta di un vero e proprio dolore, nel cuore, che ci porta a porci numerosi interrogativi anche sui suoi comportamenti, tra questi siamo soliti chiederci perché i gatti quando stanno per morire si allontanano.

Anche se è doloroso affrontare questo momento è importante andare a capire non solo il comportamento di micio ma anche comprendere tutto quello che possiamo fare per rendere il passaggio da questo mondo, a quello dell’arcobaleno degli animali, meno doloroso per tutti.

gatto sta per morire

Micio sta male e io non posso farci niente

Che la causa sia la vecchiaia o una malattia arriva quel momento della vita in cui dobbiamo arrenderci al fatto che il nostro gatto presto non ci sarà più. Un periodo, questo, che può variare di giorni o di settimane ma che non cancella il grande dolore che proviamo dentro.

Quando il nostro animale domestico sta per lasciarci, con il corpo s’intende, visto che la sua anima sarà sempre vicino la nostra, sicuramente osserveremo dei comportamenti diversi dal solito o comunque che prima di questo momento non erano mai appartenuti al piccolo peloso di casa. Come affrontare la morte di un gatto è assai difficile.

In molti si chiedono perché i gatti quando stanno per morire si allontanano, un atteggiamento piuttosto comune per i piccoli felini domestici che si può tradurre proprio nel segnale che si sta avvicinando sempre di più il momento della fine.

gatto che si allontana

Perché i gatti quando stanno per morire si allontanano? Un segnale inconfutabile

Anche se non l’argomento è difficile da affrontare e soprattutto da leggere, dobbiamo fare i conti con una realtà che presto o tardi arriverà, il nostro gatto andrà via, restando però per sempre nel cuore e nei ricordi.

Vorremmo non pensarci mai, ma la verità è che bisogna riconoscere che prima o poi la fine arriva per tutti, anche per i nostri amatissimi animali domestici. I gatti in particolare, rispetto a noi esseri umani, sentono con chiarezza quando si avvicina quel momento, ecco perché i loro comportamenti possono cambiare proprio negli ultimi giorni di vita.

Il segnale già chiaro ed eloquente che abbiamo per capire che anche micio ha compreso che sta per lasciare questo mondo è che i gatti che tendono a isolarsi nel periodo che precede la loro morte. Non rimaniamoci male quindi se vediamo micio si isola o si allontana da noi, è una questione di istinto e appartiene a tutti i gatti e anche ai cani.

Secondo la credenza popolare, i gatti si allontanano da tutto e tutti quando stanno per morire perché preferiscono affrontare questo momento finale della loro vita da soli, ma non lasciatevi condizionare dall’apparenza perché la realtà potrebbe essere un’altra.

In realtà, i gatti vorrebbero, come qualsiasi altro essere vivente, essere confortati in un momento tragico e spaventoso come quello della morte, ma è il loro istinto naturale a prevalere, anche in questo caso. Questo, infatti, li porta a nascondersi da potenziali predatori che potrebbero attaccarlo proprio in un momento in cui loro non hanno la forza per difendersi o scappare.

Ecco perché i gatti quando stanno per morire si allontano, tuttavia ci sono altri segnali inconfutabili che possono aiutarci a capire che quel momento è ormai vicino.

perché il gatto si isola quando sta per morire

I segnali da osservare quando un gatto sta per morire

Anche se sicuramente si tratta del segnale più evidente, quello dell’allontanamento non è l’unico comportamento di micio che ci fa capire che è arrivato il momento di salutarlo. Ci sono infatti dei segnali caratteristici dei nostri amici a quattro zampe che è utile saper riconoscere, considerando che in questo momento difficile micio potrebbe avere bisogno di noi, ora più che mai.

Anche se infatti avete la percezione che il gatto vuole stare da solo perché lo vedete in disparte o che si allontana, il nostro consiglio è quello di restare al fianco del vostro gatto con discrezione e tutto l’amore che ha da sempre caratterizzato il vostro rapporto.

Ora che abbiamo risposto alla domanda del perché i gatti quando stanno per morire si allontano cerchiamo di capire anche cosa succede quando un gatto sta per morire, imparando a riconoscere i segnali e plasmando il nostro atteggiamento per rendere più serenità, da parte di entrami, a questo momento.

Da bravi genitori felini, infatti, il nostro compito è quello di stargli accanto anche in questo momento. Dopo una vita insieme, è doveroso trascorrere nella maniera più serena e felice, ove è possibile, gli ultimi istanti insieme.

Non spaventatevi quindi se il vostro micio vi sembrerà diverso, i cambiamenti della personalità così come quei momenti di isolamento che spiegano perché i gatti quando stanno per morire si allontano sono normali e condivisi da tutte le specie feline, e anche quelle canine.

Ancora una volta il vostro compito è di assisterli, giorno dopo giorno, fino a quando vi sarà possibile e trasmettergli la serenità che meritano per affrontare un momento che anche per loro è spaventoso.

lasciare spazio al gatto

I cambiamenti della personalità e del comportamento

Quando un gatto è malato il suo comportamento abituale cambia, questo succede anche quando si trova ad affrontare delle patologie passeggere, chiaro è che in questo caso è tutto più amplificato.

Uno dei segnali più eloquenti è quello dell’isolamento e dell’allontanamento dal nucleo familiare come spiegato nella risposta del perché i gatti quando stanno per morire si allontano. Potreste notare che micio evita il contatto fisico e le coccole, mostrandosi particolarmente irritabile quando qualcuno prova ad avvicinarsi.

Ma questo non vuol dire che non vi vuole al suo fianco, a volte la spiegazione può essere data dal fatto che accusi dei dolori tramite il contatto, una condizione piuttosto comune che riguarda anche noi esseri umano.

Anche il cambio di personalità va ad inserirsi in tutti quegli atteggiamenti che ci fanno capire che è arrivato il fatidico momento, questa volta però con degli atteggiamenti atipici che sovvertono tutto quello che abbiamo imparato fino a questo momento. Micio, da animale estremamente indipendente, potrebbe avere molto bisogno di voi. Potrebbe ad esempio mangiare solo in vostra compagnia o cercarvi proprio per la paura della solitudine.

Il rovescio della medaglia sta però nell’allontanamento: quando un gatto è molto malato o sta addirittura per morire è probabile che tenda a nascondersi da voi e dagli altri componenti della famiglia. Un comportamento, questo, che deriva dal suo bisogno di riposare in un luogo tranquillo e confortevole, dove non possa essere disturbato.

La raccomandazione è quella di essere sempre presenti, ma con discrezione. Se micio vuole stare da solo, va bene, purché teniate sempre sotto controllo la situazione assicurandovi che stia mangiando, bevendo o utilizzando la lettiera. Le cure e le attenzioni da parte vostra non devono mai mancare, soprattutto in un momento così delicato.

Un altro cambiamento che forse potrebbe spaventarvi e farvi soffrire ancora di più è quello che riguarda l’aspetto fisico. Sappiamo bene che micio è un gran vanesio, sempre attento alla cura e alla sua igiene personale. Ma nel momento che precedeva sua morte potrebbe presentare un aspetto trasandato, simbolo di un chiaro malessere.

Altri segnali che spiegano che è arrivato il momento

Anche il cambiamento delle abitudini alimentari può significare che è arrivato quel momento. Che micio sia un palato sopraffino, questo ormai lo sappiamo bene, ma quando i gatti sono molto malati o stanno tendono a rifiutare il cibo.
Se micio si nasconde e, anche quando l’hai trovato, rifiuta comunque di mangiare e bere anche se davanti ai suoi piatti di cibo preferito è probabile che la fine sia davvero vicina. Molte volte può capitare però che il rifiuto si verifichi solo una tantum, per uno o due giorni, in questo caso è normalissimo, si tratta comunque di un organismo debilitato dalla malattia o dalla vecchiaia.

Cosa fare se il gatto non mangia? Evitate di forzare il gatto a mangiare o a fare qualsiasi altra cosa e rivolgetevi al veterinario di fiducia per farvi consigliare il metodo migliore per intervenire e rendere gli ultimi giorni di vita di micio meno dolorosi possibili.

Un altro segnale da non sottovalutare assolutamente riguarda poi gli occhi del gatto. Quando, infatti, le pupille appaiono dilatate, gli occhi sono vitrei e infossati, è probabile che la fine sia molto vicina. In questo caso provate a toccare l’angolo dell’occhio del gatto: se micio non reagisce sbattendo le palpebre forse è già incosciente e dovete intervenire subito.

Come comportarsi quando il gatto sta per morire

Ora che abbiamo risposto al perché i gatti si allontanano quando stanno per morire e abbiamo analizzato altri segnai e comportamenti da individuare in questo doloroso lasso di tempo, cerchiamo di capire come comportarci noi.

Se un gatto sta per morire a causa di una malattia che è degenerata lentamente o velocemente, o di vecchiaia, non c’è molto che possiamo fare, purtroppo, se non accompagnare micio mentre la natura fa il proprio corso.

La cosa migliore da fare è dare al gatto il suo spazio, magari creando per lui proprio un posto tranquillo dove sistemarsi e riposarsi quando preferisce restare nel silenzio e nella solitudine. Come abbiamo anticipato è importante che l’animale percepisca la presenza del suo padrone ma è opportuno non invadere il suo spazio intimo e privato.

Per lui è un momento delicato, come lo è per noi ed è importante rispettare la sua volontà. Qualche carezza fa bene ma è meglio non esagerare e non essere troppo invadenti. Facciamogli sentire la nostra presenza, questo lo rassicurerà o lo libererà dall’ansia e dalla paura, ma soprattutto gli farà comprendere che non è solo.