Perché i gatti urlano quando si accoppiano? Ecco tutte le ragioni

Perché i gatti urlano quando si accoppiano? Si tratta di una domanda frequente tra gli amanti dei felini. Cerchiamo di scoprirlo insieme

gatti vicini sul divano

Perché i gatti urlano quando si accoppiano? Si tratta di una domanda legittima, considerando i miagolii parecchio rumorosi che si sentono quando una coppia di randagi amoreggia sui tetti. In nostro obiettivo è quello di fare un po’ di ordine e di comprendere tutte le cause sottostanti a un comportamento ai nostri occhi quantomeno surreale.

La gatta inizia a miagolare rumorosamente nel momento in cui entra in calore, lo fa per attirare l’attenzione dei maschietti, che a loro volta rispondono. Il risultato è un corteggiamento con tanto di rituale che, a suo modo, è anche molto affascinante. Vediamo allora perché i versi e le grida sono molto più acuti durante il rapporto sessuale vero e proprio.

Calore e maturità sessuale

gatti che si abbracciano

Le gatte diventano mature dal punto di vista sessuale tra i cinque e i nove mesi circa; i maschietti sono un po’ in ritardo – come spesso accade – e ci mettono più o meno nove mesi/un anno. Il calore della femminuccia si riconosce a occhi chiusi (e orecchie ben tese): oltre ai miagolii che noi tutti abbiamo sentito almeno una volta nella vita (e che somigliano tanto al pianto di un bebè), ci sono tantissimi altri segnali.

Perché i gatti urlano quando si accoppiano? Prima di rispondere a questa domanda nel dettaglio, partiamo dal presupposto che la nostra amica a quattro zampe dice chiaramente al maschietto di essere disponibile: cammina con la coda alzata e si strofina su qualsiasi superficie le capiti sotto tiro. A tal proposito, potrebbe tornare utile saperne di più sul calore della gatta.

Si tratta di un periodo, sembra fatto apposta, che corrisponde ai mesi in cui la temperatura climatica è più elevata: in genere tra marzo e ottobre. Non è infatti un caso che determinati versi siamo più frequenti durante le miti sere estive. In questo lasso di tempo una gatta può avere dai due ai tre cicli di calore, ognuno dei quali può variare da un minimo di tre a un massimo di 20 giorni.

Tra uno e l’altro, poi, possono passare dai 10 ai 40 giorni: tutto dipende dall’eventuale gravidanza. Se la micia rimane incinta, infatti, il ciclo si interrompe e l’organismo si prepara alla gestazione e al conseguente parto. Su questo meccanismo possono incidere anche diversi fattori, fra cui la razza e l’età.

Attenzione alle fughe

Se non vogliamo avere a che fare con dolci attese indesiderate, o perlomeno non vogliamo che l’accoppiamento avvenga fuori dal sicuro e monitorato giardino di casa nostra, dobbiamo fare attenzione agli istinti di fuga: sono più forti di qualsiasi rapporto bipede-quadrupede, possiamo starne certi.

È per questa ragione che i veterinari fanno una campagna di sensibilizzazione 365 giorni l’anno contro il randagismo e le colonie feline incontrollate. Le conseguenze delle nascite senza freni colpiscono in primis i nostri adorati felini, e noi siamo gli unici nelle condizioni di mettere dei paletti.

Randagismo e abbandono

colonia felina

Il numero delle colonie, infatti, è in costante aumento ed è uno dei fattori – tra i principali quantomeno – che contribuiscono all’abbandono. Si tratta di un meccanismo senza senso che va fermato solo in un modo: attraverso la sterilizzazione.

Sarà il veterinario stesso a consigliare a chiunque glielo faccia presente di procedere con l’operazione, a meno che non ci siano controindicazioni che mettano in pericolo la vita della gattina. Anche la castrazione dei maschi è altamente raccomandata, se non si vuole dare il via a un allevamento controllato. La prevenzione è la migliore delle cure, non dimentichiamolo mai.

Il rapporto sessuale

gatti che si accoppiano

Quando la nostra amica a quattro zampe va in calore vuol dire che è pronta a lanciare segnali inequivocabili ai maschietti che bazzicano nella zona. Il suo comportamento cambia radicalmente e non rifiuta certo le avances, anzi: le cerca in tutti i modi. Dice di essere ben disponibile a concedersi, se qualcuno ne ha desiderio.

Tra gli atteggiamenti che non lasciano certo spazio all’immaginazione c’è l’incedere: la gatta pronta per l’accoppiamento cammina con il sedere e la coda all’insù e il ventre verso il basso. Il messaggio che manda è chiaro: è pronta a tutto e non si lascerà certo pregare.

Dopo avere assunto la posizione ideale per permettere al maschio di agire, inizierà a fare movimenti pelvici; mentre il gatto si concentrerà su quelli copulatori. La fase preliminare all’accoppiamento vero e proprio è simile a quella che si crea tra due gatti aggressivi e pronti al combattimento.

Il rapporto sessuale, in media, dura circa 20 minuti; ma può variare da un minimo di 11 a un massimo di 95 minuti. I maschi arrivano ad accoppiarsi anche 10 volte in un’ora, mentre le femminucce sino a 50 (con diversi maschi, per cause di forza maggiore).

Un ovulo viene fecondato da un solo spermatozoo, ma se la femmina si accoppia con più soggetti, i vari spermatozoi hanno la possibilità di fecondare diversi ovuli. Questo è facilmente traducibile: da una stessa cucciolata possono nascere piccoli con padri differenti.

Pratica dolorosa, verità o leggenda metropolitana

gatti che dormono

Alla domanda “perché i gatti urlano quando si accoppiano” ne segue un’altra, anche abbastanza ovvia: il rapporto sessuale fra felini provoca dolore? Le risposte a questi due quesiti sono strettamente correlate.

Innanzitutto, bisogna precisare che l’anatomia del pene è molto particolare: sulla sua superficie infatti sono presenti delle spine, come dei piccoli aculei di cheratina che hanno un ruolo determinante nella fecondazione: sono loro che la rendono possibile stimolando l’ovulazione delle femminucce. Oltretutto, impediscono che il pene scivoli via durante l’atto sessuale.

Nonostante i versi e gli atteggiamenti possano far pensare l’esatto opposto, le spine non sono per nulla dolorose e non provocano alcun tipo di sanguinamento. Più precisamente danno il via a un meccanismo neuroendocrino, che provoca una scarica ormonale di LH. Questo ormone comincia ad agire tra le 24 e le 36 ore successive al coito.

Il post-accoppiamento

gatti nella cesta

Perché i gatti urlano quando si accoppiano ormai è chiaro. Subito dopo aver concluso il rapporto sessuale, la nostra amica a quattro zampe è tutt’altro che amichevole con il suo partner. Via via che quesr’ultimo ritira il pene, le pupille della gatta si dilatano e nel 50% dei casi emette un grido molto acuto.

La maggior parte, poi, attacca il maschio con fare parecchio aggressivo. Subito dopo si lecca le parti intime per un intervallo di tempo che va dal minuto ai sette circa. In conclusione, tanto rumore ma nessun dolore. Meglio così!