Storia di solitudine e disperazione: un uomo viveva con 166 gatti vivi e altri 55 morti in casa

Purtroppo nessuno si era mai accorto di questa situazione di estremo bisogno dei gatti, ma ancora prima del pover' uomo, solo da anni

Le autorità dell’Ohio, negli Stati Uniti, hanno accusato un uomo di abusi e maltrattamenti sugli animali dopo aver trovato 166 gatti vivi e altri 55 morti nella sua abitazione.   

Il Columbus Dispatch ha riferito che Daniel Slyby, di Gahanna, deve inviare una cauzione di 64.000 dollari entro due mesi o i suoi gatti verranno confiscati in modo permanente. E poi consegnati a un’organizzazione per la protezione degli animali di Columbus.

un uomo viveva con 166 gatti vivi e altri 55 morti

L’uomo, di 60 anni, è stato incriminato pochi giorni fa per 11 capi di imputazione per crudeltà sugli animali nel tribunale municipale della contea di Franklin.

Columbus Humane, che conduce ricerche sugli abusi sugli animali, ha affermato che gli animali vivevano in condizioni spaventose. Al ritrovamento, la scorsa settimana, si sono trovati davanti una scena terribile. L’abitazione sembrava una discarica, l’odore era nauseante. La maggior parte dei gatti morti erano riposti tutti in una stanza, ma qualcuno anche in giro per casa. Escrementi ovunque. I gatti vivi, invece, non erano affatto in salute. Molti denutriti, sporchi, alcuni anche molto malati. Nessuna delle gatte era sterilizzata, tantomeno i maschi, per cui si moltiplicavano molto rapidamente.

Al Columbus Humane Animal Shelter sono riusciti a curare tutti i gatti, tranne uno. Per uno di uno di loro non c’era più nulla da fare, doveva essere soppresso.

L’avvocato di Slyby, Tony Clymer, ha detto giovedì che il suo cliente nega di aver maltrattato i suoi animali domestici. Ma ulteriori dichiarazioni saranno rilasciate solo in apposita sede legale.

un uomo viveva con 166 gatti vivi e altri 55 morti

Di fatto, l’uomo nutriva un grande amore nei confronti dei suoi gatti, ma forse a causa di problemi di salute mentale, la situazione era drasticamente sfuggita di mano. E’ un uomo solo, ha perso la moglie da almeno 10 anni, non ha figli. E non ha nessun parente stretto che si occupa di lui. I suoi gatti erano tutto per lui, tutta la sua vita.
Ne aveva 4 quando sua moglie era ancora in vita, erano i loro bambini.

Nessuno si era mai accorto di questa situazione di estremo bisogno dei gatti, ma ancora prima del pover’uomo.
Questo rende la situazione ancora più triste e drammatica.

POTREBBE PIACERTI ANCHE: Scoprono grazie al microchip che una gattina in rifugio ha 21 anni: cerca adozione

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati