Vomito con sangue nei gatti, che cosa significa?

Il vomito con sangue nei gatti è un sintomo molto preoccupante che ci deve subito mettere in guardia. Ecco di che si tratta e cosa fare

gatto a pelo lungo bianco e marrone

Il vomito con sangue nei gatti è una condizione conosciuta come ematemesi e può essere la conseguenza di diversi problemi di salute. Si tratta di un sintomo piuttosto preoccupante che ci deve mettere subito in allarme perché indica la presenza di un’emorragia interna. Il sistema gastrointestinale del micio può essere colpito da traumi, ulcere, infiammazioni o anche dalla presenza di un corpo estraneo.

Ma l’emorragia può colpire anche il cuore e il sistema cardiovascolare, provocando un soffio al cuore con una pressione sanguigna molto bassa. Anche la respirazione può risentire di un’emorragia interna, provocando nel gatto una respirazione anomala, troppo veloce. Il vomito con sangue nei gatti potrebbe indicare anche la presenza di un disturbo della coagulazione (coagulopatia), che a sua volta può portare a emorragie nello stomaco o nell’intestino.

Altre cause di vomito con sangue nei gatti possono essere una lesione o l’infiammazione del rivestimento del tubo che collega la bocca e lo stomaco (esofago) o un’irritazione dello stomaco o dell’intestino che porta a infiammazione, sanguinamento e infine espulsione del sangue attraverso il vomito. In alternativa il sangue potrebbe provenire anche da un’infiammazione o una lesione alla bocca o ai polmoni, per poi essere ingerito e quindi vomitato.

Gatto vomita liquido marrone

gatto che vomita

Il vomito in generale è una condizione preoccupante per cui dobbiamo portare micio subito dal veterinario per capire qual è il problema che lo provoca. Quando il vomito è cronico nei gatti, quindi frequente e regolare per moltissimi giorni, le condizioni di salute sono evidentemente compromesse, a maggior ragione se appunto assume una colorazione anomala.

Quando un Micio espelle i boli di pelo accumulati nello stomaco generalmente rigetta un liquido trasparente composto principalmente di saliva. Ma se il vomito è di colore marrone è il chiaro campanello d’allarme che indica la presenza di sangue, quindi di un’emorragia interna. Significa che nello stomaco o nel tratto gastro-intestinale ci sono ferite o ulcere che sanguinano, oppure infiammazioni in corso che nel tempo possono peggiorare e diventare croniche. In questi casi c’è poco da fare, dobbiamo portare il gatto subito dal veterinario per un controllo.

Il vomito con sangue nei gatti è solo la punta dell’iceberg ed è un sintomo accompagnato spesso da altri segnali piuttosto preoccupanti. Generalmente quando c’è un problema di salute che causa il sanguinamento interno di Micio oltre al vomito insorgono inappetenza, dolori addominali e anche la cacca assume un colore insolito (melena).

Vomito con sangue nei gatti, le possibili cause

gatto che dorme sul pavimento

L’ematemesi, quindi il vomito con sangue nei gatti, può avere diverse cause. Le ulcere, le malattie gastrointestinali o anche la malattia infiammatoria intestinale del gatto sono i principali fattori che provocano questo sintomo. Anche disturbi del metabolismo, infiammazioni neurologiche, respiratorie e virali possono essere responsabili di episodi di ematemesi, così come alcune gravi condizioni come insufficienza epatica, trauma cranico o filariosi cardiopolmonare.

La coagulopatia e in generale i problemi di coagulazione del sangue possono derivare da insufficienza epatica o da una riduzione della conta piastrinica (trombocitopenia), spesso dovute all’assunzione di particolari farmaci. Anche l’ingestione di veleno per topi può essere una causa di coagulopatia con vomito concomitante.

L’ematemesi può essere la conseguenza di un incidente o un trauma, gravi ustioni, colpi di calore, interventi chirurgici, avvelenamento da metalli pesanti come ferro o piombo e perfino morsi di serpente. Per non dimenticare, poi, che anche l’esposizione ad alcune piante tossiche per i gatti e ai pesticidi possono provocare vomito con sangue nei gatti.

Vomito con sangue nei gatti, diagnosi e trattamento

gatto di colore grigio

Quando osserviamo vomito con tracce di sangue nei gatti dobbiamo correre immediatamente dal veterinario. Come abbiamo visto le cause di questo sintomo possono essere davvero tante, alcune connesse tra loro e altre completamente isolate e specifiche. Perciò l’unico modo per risalire al problema e trovare una cura è affidarsi al parere di un esperto che abbia a disposizione tutti gli strumenti diagnostici utili per Micio.

Per la diagnosi sono utili gli esami del sangue e l’analisi delle urine e delle feci. Anche i test di imaging come gli ultrasuoni e le radiografie possono essere utilizzati per individuare eventuali disturbi interni e capire, quindi, da cosa è provocato il vomito con sangue. Il trattamento ovviamente varia a seconda della causa dell’ematemesi. In caso di grave emorragia interna, perforazione dell’ulcera o vomito cronico il veterinario può richiedere un trattamento di emergenza per emorragia o shock direttamente in clinica, con possibili trasfusioni di sangue e somministrazione di liquidi tramite flebo.

Oltre ai farmaci è bene garantire al micio una particolare cura anche in casa, cambiando la sua dieta e somministrandogli cibi delicati e facilmente digeribili. Meglio preferire alimenti poveri di grassi e di fibre, in modo da non stressare ulteriormente il sistema digestivo. Se l’ematemesi è stata provocata dall’ingestione di sostanze tossiche, assicuriamoci che Micio non abbia accesso a piante che fanno male ai gatti o sostanze velenose.

Gatto vomita liquido trasparente

gatto che dorme sul suo lettino

Il vomito nei gatti, che sia cronico o sporadico, ha sempre una causa precisa. In genere gli episodi sporadici non sono un problema, può capitare anche che Micio vomiti semplicemente il pelo accumulato nello stomaco. Anche l’ansia e lo stress possono provocare il vomito nei gatti ma se questo diventa cronico probabilmente siamo di fronte a un problema di salute più grave. Di solito quando il gatto vomita i boli di pelo insieme a loro rigetta del liquido trasparente. Si tratta di semplice saliva e non è qualcosa di troppo preoccupante. Può accadere anche che Micio vomiti trasparente quando cambiamo la sua dieta oppure quando resta digiuno per troppo tempo.

Gatto vomita schiuma bianca

Oltre a vomitare liquido trasparente o vomito con sangue, può capitare che il gatto rigetti una sorta di schiuma bianca. Come nel caso precedente anche qui potrebbe trattarsi di una reazione al cambio di alimentazione o la conseguenza di un digiuno prolungato. Come noi umani, anche lo stomaco dei gatti produce succhi gastrici, sostanze che servono a digerire il cibo. Perciò se saltano un pasto questi succhi si accumulano e irritano le pareti dello stomaco, provocando il vomito. Il vomito sotto forma di schiuma può anche essere dovuto all’indigestione del cibo andato a male.