Gatti, perché aprono e chiudono le zampe

Zampe del gatto

Il movimento delle zampe del gatto affascina da sempre proprietari ed i semplici estimatori dell’animale, che trovano particolarmente curiosa l’apertura e la chiusura delle stesse. Il micio utilizza la parte finale delle sue zampe sia come base d’appoggio sia come estensione per recuperare qualcosa, quindi cacciare o proteggersi graffiando. Ma l’apertura e chiusura delle zampe è un movimento davvero interessante che può celare molteplici significati: scopriamo nel dettaglio quali.

Le zampe utilizzate per impastare

Gatto

Il gatto apre e chiude le zampe con un movimento costante ed alternato sul corpo del proprietario ma anche contro tessuti e coperte, replicando così un comportamento appreso durante i primi periodi della sua vita. Questo è noto come impasto ed è sinonimo di affinità ed affetto, perché il gatto replica il movimento che un tempo praticava sul ventre materno durante l’allattamento. Questo impasto delicato, con apertura e chiusura delle estremità, favorisce il rilascio del latte ed il rilassamento reciproco.

Praticarlo sull’umano del cuore, o sui tessuti di casa, serve a ripristinare quella particolare condizione di benessere e di fiducia provata proprio durante i primi tempi. Il proprietario rappresenta la figura d’affetto di riferimento, per questo il micio lo gratifica con questo impasto delicato, intimo ed amorevole.

Segnale di avvertimento

Gatto

In alcuni casi l’apertura e chiusura delle zampe anteriori sottende un avvertimento, il micio è nervoso e sta avvisando i malcapitati che è pronto ad attaccare. Non a caso le unghie potrebbero fare capolino proprio durante questo particolare movimento ad anticipare eventuali zampate improvvise, pronte a sferrare un graffio feroce. Meglio tenersi a debita distanza per non irritarlo ulteriormente, il micio è visibilmente a disagio e per questo motivo è pronto difendersi sfoderando gli artigli.

Aprire e chiudere le zampe per sgranchirle

Gatto

Il gatto apre e chiude le zampe sia per fare la pasta che per sgranchirle, un gesto normale e fisiologico che mette in atto quando si stiracchia. Chi vive con un felino è consapevole del movimento che anticipa l’apertura delle zampe e che può palesarsi anche durante un momento di puro relax. Il micio potrebbe apparire assonnato e, mentre è sdraiato lungo il ventre con la coda a cingere il corpo, le zampe anteriori risultare ripiegate verso il petto. Non una posa fissa e statica ma un movimento reale, un aprire e chiudere lento utile al risveglio fisico ed al rilassamento.