Gatto adulto: quanto dorme?

Gatto e sonno

Un gatto adulto ama sonnecchiare e riposare, una delle attività che pratica maggiormente tanto da dedicargli buona parte del tempo quotidiano. Se un cucciolo appena nato riesce a dormire per quasi ventiquattro ore un adulto non è da meno, tanto da riposare per tre quarti della giornata. Una necessità fisiologica al pari del bisogno di mangiare e nutrirsi, quindi di sentirsi tranquillo e protetto: tutti elementi indispensabili per assicurare al gatto un percorso sano e sereno. Scopriamo insieme l’importanza del sonno nella vita del nostro felino di casa.

Gatto predatore

Gatto e sonno

Il gatto nasce come animale predatore e carnivoro, sempre alla costante ricerca di cibo e perennemente concentrato su tattiche e strategie di azione. L’energia spesa per recuperare il pasto quotidiano è molto elevata, che sia una preda oppure un gioco con cui intrattenersi. Il sonno giunge come risposta fisiologica, come necessità compensativa per riequilibrare il benessere personale e per recuperare le forze. Che sia un gatto selvatico o randagio, oppure un quadrupede di casa, il nostro amato felino di affezione ripete gestualità e comportamenti impressi nel suo DNA di cacciatore nato.

Gatto

Le tecniche messe in atto, le strategie utilizzate per agguantare la preda, salti, corse, balzi improvvisi, lunghe pause dedicate all’appostamento, adrenalina e concentrazione: un insieme di attività stancanti che reclamano un periodo di meritato riposo. Le lunghe ore dedicate al sonno sono per lui di vitale importanza, per questo è bene assecondare questa necessità permettendogli un relax totale, ristoratore e sereno.

Sonno e abitudini

Gatto e sonno

L’amore del gatto per il risposo è cosa risaputa come la sua necessità di giocare e attivarsi durante le ore meno adatta alla confusione, come ad esempio l’alba, il tramonto e la notte. Chi vive con un felino è ben consapevole delle sue abitudini comportamentali legate sempre al suo percorso biologico da predatore, alla necessità di muoversi nelle ore in cui le prede escono allo scoperto. Non a caso il gatto può contare su una visione notturna perfetta che gli permette di stanare con facilità il cibo, intercettando movimenti e spostamenti. Esaurita la prassi della caccia l’amico si abbandona al riposo ristoratore, una serie di pisolini continui che occuperanno quasi tutta la giornata.

Gatto e sonno

Il micio alterna un sonno di quindici massimo trenta minuti con riposini costanti di cinque minuti, un dormiveglia che gli permette di attivarsi in caso di necessità o pericolo. Se cuccioli ed anziani sono in grado di riposare per quasi tutta al giornata, un esemplare adulto potrà dedicare al sonno dalle 12 alle 18 ore quotidiane. Una tempistica più che adeguata che gli permetterà di rilassarsi, abbandonandosi al relax recuperando così energie e vitalità. Ma se le ore di sonno dovessero risultare maggiori ed il comportamento apparire anomalo è bene consultare un veterinario per verificare le condizioni di salute dell’amico di casa.