Giochi che i gatti devono avere: tutti gli immancabili per il nostro Micio

Quali sono i giochi che i gatti devono avere per evitare che il gatto non si annoi. La noia infatti è controproducente e provoca tensioni

Se avete preso un gattino per la prima volta e non sapete ancora bene come comportarvi, sappiate che esistono dei giochi che i gatti devono avere e che possono essere considerati sicuri. Fare in modo che il gatto non si annoi è indispensabile per permettere al felino di vivere senza noia.

Inoltre, a questi giochi sicuri risulta indispensabile attuare dell’esercizio fisico quotidiano; in questo modo non solo il gatto non si annoierà, ma si eviteranno problemi legati ad un eventuale sovrappeso. La salute dei pelosi è di estrema importanza sia se la salute riguarda il corpo, sia se riguarda la mente; per tale motivo è indispensabile fare tutto ciò che è necessario per riuscire a fare stare il peloso su tutti i punti di vista.

Giochi educativi e sicuri


Tra i giochi che i gatti devono avere rientrano i giochi educativi; questi risultano infatti fondamentali per la formazione caratteriale del felino; spesso i gatti, soprattutto quando il padrone non è in casa, tendono a giocare in maniera del tutto solitaria, facendo leva sulla loro ragione e l’istinto predatorio.

I gatti essendo dei predatori hanno la necessità di avere dei giochi che richiedono l’utilizzo della ragione e che possano stimolarli dal punto di vista della ragione. Date quindi la possibilità ai gatti di stimolare questi comportamenti attraverso palline, topini, in grado anche da allontanarli dalla sensazione di solitudine che si innesca nei cuccioli quando vengono lasciati da soli. Entrando nello specifico inoltre è possibile elencare alcuni giochi che possono essere considerati perfetti per i pelosi e questi includono:

  • Snack ball, una palla in grado di aumentare le abilità intellettuali dei pelosi; all’interno di queste palle si inseriscono degli snack che devono essere conquistati dal felino. Il gioco nello specifico è una palla di plastica dura dotata di una spirale in grado di fare cadere i biscotti; basterà riempire la palla di biscotti, scuoterla e si potrà assistere alla caduta del biscotto
  • Casetta spaziosa, anche su due livelli, in grado di permettere al fatto di arrampicarsi, nascondersi e perfino giocare
  • Tunnel, scatole e perfino tubi sono giochi perfetti i gatti; i felini amano entrare ed uscire da questi tubi, correre e fare agguati
  • Gioco che consiste in un tubo trasparente dotato al suo interno di una pallina che il gatto tenderà a rincorrere e a giocare

Questi sono alcuni giocattoli che sono facilmente trovabili in commercio e in qualsiasi negozio di animali; tuttavia è sempre preferibile chiedere sempre il consiglio del negoziante, prima di acquistare un gioco per il micio.

Quanto è importante stimolare il gatto?

Stimolare un gatto che vive in appartamento è necessario per evitare comportamenti che possono essere perfino pericolosi per la salute del peloso. Per comprendere l’importanza di tali giochi è necessario fare una distinzione tra gatti di strada e gatti d’appartamento; i gatti randagi e che vivono quindi per strada passano più della metà della propria giornata a cacciare cibo e a trovare un luogo riparato dove poter riposare in sicurezza.

Ciò fortunatamente non si può dire per i gatti che vivono in appartamento e che quindi hanno una routine completamente diversa; i gatti però sono dei veri e propri cacciatori. E anche se i gatti d’appartamento hanno tutto ciò di cui hanno bisogno, possono comunque avere dei veri e propri attacchi isteria dettati dalla noia. Per evitare che ciò avvenga è necessario quindi stimolarli correttamente e dare loro rinforzi positivi che possono prevenire comportamenti scorretti e che possono perfino compromettere lo stato di salute del peloso.

Il tipo di gioco dipende anche dall’età

Quando si parla di un cucciolo di gattino, giochi sicuri e divertenti dipendono in particolar modo dall’età del felino; quando il gatto è ancora cucciolo, qualsiasi oggetto, di qualsiasi forma o consistenza può essere considerato un gioco. Tuttavia molti oggetti possono essere pericolosi per la salute del gatto, per tale motivo è necessario vietare il gioco con buste di plastica, oggetti che possono essere ingoiati e oggetti particolarmente appuntiti. L’attenzione è quindi determinante per evitare che il gatto possa affogarsi, graffiarsi o possa incombere in blocchi intestinali.

I giochi per gli animali devono necessariamente essere parecchio resistenti e soprattutto devono essere fatti con dei materiali che possono essere considerati sicuri; qualora questi giochi dovessero essere usurati o rotti è importante non cederlo al gatto e comprare quindi dei giochi specifici.

I giochi inoltre dipendono anche dall’età del felino; un cucciolo infatti tenderà a giocare con pupazzi o con delle palline specifiche per il peloso; a mano a mano che il cucciolo cresce è possibile cambiare o aggiungere qualche giocattolo alla sua collezione. È bene tuttavia precisare che molti giochi sono dotati al loro interno di piume; quando però le piume tendono a staccarsi è necessario rimuovere in maniera manuale tutte le piume che stanno fuoriuscendo.

Come capire se il gatto vuole giocare?

Dopo aver parlato di gattino, giochi sicuri ed educativi, è necessario comprendere i segnali che un micio manifesta quando vuole giocare. Tra i segnali che emana un gatto è possibile notare la posizione della coda che tende a restare dritta con la punta incurvata, la tendenza a miagolare e a correre per casa. Sfortunatamente le ore di attività dei felini non corrisponde quasi mai con le abitudini umane; i gatti infatti tendono ad essere più iperattivi nelle primissime ore della mattina e durante le ore serali, orari che spesso cozzano con gli orari di uscita e di rientro a casa dell’umano.

Tuttavia è importante riuscire a dedicare al peloso dei momenti ben precisi, per evitare che la troppa iperattività inespressa si trasformi in fastidio notturno, soprattutto quando si dorme. È consigliabile quindi dedicare anche una mezz’ora al giorno, anche prima di andare a dormire, per giocare con il peloso; in questo modo il gattino tenderà a calmarmi e non vi disturberà nelle vostre ore di riposo notturno.

Se il gatto si annoia del giocattolo?

Con il passare del tempo è possibile anche che il gatto si annoi del gioco, esattamente come succede con i bambini. Nel caso in cui questo dovesse accadere è possibile trovare una soluzione che non comporti necessariamente l’acquisto di un gioco; quello che è possibile fare quando un gioco non viene utilizzato per diverso tempo dal fatto è quello di alternare i giochi ogni due o tre giorni. Prendete quindi il giocattolo momentaneamente abbandonato e alternatelo con un altro e fate sempre così per mantenere quindi l’interesse sempre attivo.

Conclusione

In definitiva, ecco quali sono i giochi che i gatti devono avere e che possono stimolarli giornalmente. I giochi sicuri ed educativi rientrano necessariamente tra quei giochi che i gatti devono avere perché sono di fondamentale importanza; l’importanza deriva dal fatto che questi riescono a fare in modo che il gatto possa crescere sano e in forze, sia dal punto di vista fisico e mentale.

Esistono inoltre dei giochi sia manuali che elettronici che possono essere confacenti alle necessità dei pelosi e che sono in grado di tenere alto il loro umore. Per qualsiasi altra informazione o dubbio in merito è necessario rivolgervi al veterinario o ad un comportamentista; questi infatti saranno in grado di dare ulteriori consigli in merito e di aiutarvi nella scelta e nella gestione dei giochi. Prendere un gatto significa anche fare in modo che questi non si annoino; la noia infatti può comportare la manifestazione di comportamenti scorretti che possono compromettere la convivenza.