Giochi fai da te per gatti, i migliori per fare divertire Micio

Per garantire l'equilibrio psicofisico di Miao è importante che incanali le energie. In quest'ottica, quali sono i giochi fai da te per i gatti

Perché il nostro amico a quattro zampe cresca sano e forte, in salute è importante che si diverta. Quali sono dei giochi fai da te per gatti? In commercio ci sono soluzioni di tutti i tipi e per tutte le tasche, ma se abbiamo un’attitudine alla manualità e vogliamo anche risparmiare ci sono delle validissime alternative.

Canne da pesca, pupazzi, percorsi a ostacoli e persino tiragraffi. Cartone, plastica, spago. Tutto si può fare con un po’ di pazienza e le istruzioni dettagliate. Il nostro obiettivo è dare qualche piccolo spunto a degli appassionati di bricolage e affini.

Come costruire oggetti per gatti

gattino con pallina di spago

I giochi fai da te per gatti più efficaci sono fatti con gli scampoli di stoffa. Le canne da pesca per felini, infatti, quelle che vedono un bastoncino a cui viene legato uno spago, con alla sua estremità un pupazzetto da fare acchiappare loro non sono solo quelle delle migliori marche con manico ergonomico.

Se abbiamo un legnetto e dei pezzi di tessuto il gioco, nel vero senso della parola, è fatto. Poi possiamo anche utilizzare un vecchio pupazzetto per impreziosire il tutto. Insomma, possiamo dare libero sfogo alla nostra fantasia e dare una seconda vita a qualcosa che altrimenti finirebbe in fondo a una cesta o nella spazzatura.

Giochi di attivazione per gatti fai da te

gatto e nastri di stoffa

I gatti capiscono che i peluche sono giocattoli, ma indipendentemente da questo apprezzano la nostra creatività. Chi sa ancora usare l’uncinetto, oltre a tramandare quella che è un’arte a tutti gli effetti, può creare topolini o altri animaletti che stimolino l’istinto di cacciatore del nostro amico a quattro zampe. Gatti e caccia, infatti, indipendentemente dal grado di addomesticamento, sono dei predatori. Il gatto che vuole acchiappare il piccione, infatti, ci prova a prescindere dal fatto di avere o meno la pancia piena o la pappa ad aspettarlo a casa.

Per realizzare un’imbottitura facile e veloce, i famosi residui di stoffa possono fare ancora una volta al caso nostro. In alternativa, si possono utilizzare delle foglie essiccate e tritate di erba gatta. Con una strisciolina possiamo applicare la coda e i bottoni diventano dei dolcissimi occhi.

Una raccomandazione è d’obbligo, però: fissiamo tutto con la massima attenzione per evitare che parti piccole possano essere accidentalmente ingerite e provocare il soffocamento del gatto. Questa eventualità, infatti, ahinoi, è da annoverare tra le emergenze comuni dei gatti adulti e piccini.

Giochi per gatti con scatole di cartone

gatti che giocano con scatole di cartone

Tra i giochi fai da te per gatti il materiale per eccellenza è lui: il cartone. Oltre a essere un ottimo isolante per delle cucce improvvisate da utilizzare quando mi chiedo cosa fare quando trovo dei gattini, è anche un ottimo tiragraffi e permette di dare forma a qualsiasi cosa venga in mente.

Un tunnel o un castello in cartoncino, per esempio, faranno la felicità del nostro amico a quattro zampe. Possiamo usare anche il compensato o qualsiasi altro materiale. L’importante è sapere come muoversi, e per fortuna online ci sono tantissimi tutorial che fanno al caso nostro. Portoni, finestre, piani e piani, veri e propri labirinti: tutto è possibile se a dircelo è la nostra fantasia.

Giochi per gatti con rotoli di carta igienica e tappi di sughero

Se il vino ci piace tanto, ma senza esagerare, o siamo reduci da una festa, non buttiamo via i tappi di sughero: possono diventare un ottimo giochino per le nostre piccole palle di pelo. Basta creare un foro al centro con l’aiuto del cavatappi, da parte a parte.

Così facendo, potremo inserire dei nastri colorati che attireranno l’attenzione del piccolo terremoto di casa. Non dovremo fare altro che farli rotolare sul pavimento, ad acchiapparli ci penserà il cacciatore di topi per antonomasia.

Anche i rotoli della carta igienica terminata sono perfetti da riciclare per dare libero sfogo alla fantasia e fare divertire il nostro adorato Miao. Basta impilarli uno sull’altro, così da fare una sorta di piramide con una base solida. Per metterli insieme, in cartoleria ci sono tanti tipi di colla idonea. Qualora fosse necessario, una base più larga permette di non farli cadere. Per avere aspirazioni in tal senso, cercare forme nuove e stimolanti il web può correrci in aiuto.

Tiragraffi fai da te, il più classico dei classici

gatto che cerca di acchiappare piuma

Tra i giochi, fai da te o meno, per gatti per eccellenza ci sono in tiragraffi, i salvatori dei nostri divani e delle nostre caviglie. A tal proposito, può tornare utile sapere cosa ci comunicano i gatti con le loro zampe.

Con una vecchia rivista, un giornale di qualche giorno fa possiamo realizzare un gioco per farsi le unghie. Un tiragraffi per pavimenti, insomma. È sufficiente ripiegare le pagine della rivista verso l’interno, come se fosse un fiore di carta con i suoi petali, e incollarli al centro.

Con i nostri amici a quattro zampe è possibile anche riciclare i vecchi maglioni che non mettiamo più e i rocchetti di fili di cotone. Possiamo rivestire i rocchetti con degli scampoli di feltro o di stoffa. Il tessuto va fissato ai lati con della colla o con ago e filo.

Parco giochi per gatti fai da te

Non ci sono limiti, se vogliamo e abbiamo tempo e pazienza, possiamo creare un vero e proprio parco giochi per il nostro amico a quattro zampe. Si tratta di progetti più complessi di quelli appena citati, ma possiamo seguire video tutorial che ci dicono cosa fare passo passo.

Scalette, ruote, scivoli, scatole per nascondersi e chi più ne ha più ne metta. L’unico problema potrebbe essere rappresentato dallo spazio a nostra disposizione. In questo modo Miao potrà giocare quasi come fosse in aperta campagna, arrampicandosi e saltando, mantenendo l’equilibrio e correndo. A tal proposito, può tornare utile sapere perché i gatti amano le altezze.

Tutti questi elementi sono atti a stimolare la curiosità delle nostre piccole palle di pelo. Possono tornare utili, con le precauzioni del caso, anche per i cuccioli che devono imparare a interagire con il mondo che li circonda. Possiamo creare delle singole scatole con dei fori sul coperchio (perfette sono quelle che contengono le scarpe) e inserire al loro interno dei giocattoli, dei pon pon o anche dei pupazzetti di stoffa, magari quelli ch noi stessi abbiamo realizzato.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati