Gattino British Shorthair ha uno strano rapporto con la sua coda, nel video accade l’impensabile

In questo esilarante video, un gattino British Shorthair di nome Maras darà vita ad una scena mai vista prima, dove ha un confronto alquanto strano e inaspettato con la sua stessa coda

maras rabbia sua coda

Vi occorre il carico di dolcezza per iniziare la mattinata con lo sprint giusto? Allora non potete certo rinunciare a questo video; in esso, un gattino British Shorthair avrà il più strano dei confronti con la sua stessa coda!

I nostri amici pelosi sono sempre in grado di regalare buonumore e serenità nelle nostre case. Tutto questo grazie al loro saper essere unici e inimitabili agli occhi di qualsiasi altro animale.

C’è un gattino in particolare, però, che ha un’ossessione decisamente strana e inusuale e la cosa riguarda la sua coda.

Il suo nome è Maras ed essa riesce a fargli scatenare le sue ire più profonde, a tal punto di mordersela da solo!

micio arrabbiato coda

A dimostrazione di questo c’è un video, nel quale si può assistere alla sua brusca ed esilarante reazione.

Come si vede dalle immagini, il micio se ne sta comodo dentro la sua scatola preferita. Ad un certo punto, la sua coda fa capolino ed inizia a muoversi.

morde furioso gatto

Incredibilmente, Maras si arrabbia e la afferra come se fosse il suo peggior nemico o un serpente da attaccare. I proprietari decidono di farlo uscire dalla scatola per fargli capire che non si tratta di nulla di pericoloso.

A questo punto, anche il gattino realizza che effettivamente si tratta della sua coda di sempre e che si è imbestialito per niente. Per quanto sembri strano agli occhi di tutti, si tratta di un modo di divertirsi normalissimo tra i felini.

La sua espressione buffa è un misto tra il sentirsi confuso ed il senso di colpa per ciò che ha appena fatto.

Sul web e sui social network, il divertente filmato ha fatto in poco tempo il giro degli utenti e conquistato i loro cuori.

Ti è piaciuto questo contenuto? Allora leggi anche Attenzione a questi sguardi del gatto: possono dirci più di quanto possiamo immaginare