Gatto calma bambino autistico in crisi

La storia di come un gatto è riuscito a tranquillizzare il suo piccolo amico autistico durante una violenta crisi.

gatto-con-bambino

Sappiamo già che gli animali hanno un effetto terapeutico sulle persone, siano esse grandi o piccini.

Il nostro articolo si apre con un video che vuole  porre l’attenzione sul beneficio che un animale domestico ha su un bambino affetto da autismo.

In questo caso l’ “eroe” della storia è un bellissimo gatto. Gatto che ha cercato di placare il suo amico umano in piena crisi. Il bambino si agita, urla, si  getta sul pavimento. Il gatto comincia a leccarlo sulla testa, capendo che forse è la sola possibilità di tranquillizzarlo. Sembra quasi che gli voglia dire ” ci sono qua io”. Il bambino, piano piano, comincia ad accarezzarlo e si tranquillizza.

Questa è la più chiara dimostrazione che i gatti possiedono quel quid, un quel qualcosa che permette all’uomo di alleviare le proprie sofferenze. Non servono mille parole, il gatto con un semplice gesto riesce a trasmettere all’uomo quella calma e quel senso di protezione di cui ha bisogno.

anziana-con-gatto

Oggi gli animali da compagnia,sempre più spesso, vengono utilizzati per gli interventi assistiti a persone con disabilità. Ovvero la cosiddetta Pet Therapy.

Il significato vero e proprio della parola sta ad indicare l’impiego degli animali da compagnia per curare delle specifiche malattie. Possiamo distinguere tre diverse tipologie di interventi assistiti:

  • attività assistita con gli animali, che riguarda principalmente la sfera ludico- ricreativa
  • educazione assistita con gli animali, che riguarda la sfera educativa
  • terapia assistita con gli animali , che riguarda la sfera terapeutica

testa gatto-testa-uomo

Dell’ultimo punto fanno parte anche tutte quelle terapie che rientrano nella sfera di coloro che soffrono di disturbi dello spettro autistico.

Si è potuto constatare che l’introduzione di un animale da compagnia durante le sessioni terapeutiche, ha portato diversi miglioramenti quali:

  • livello di attenzione più alto
  • maggior frequenza delle interazioni sociali
  • riduzione di stereotipie comportamentali ( movimenti ripetuti senza scopo)

I cani, ad esempio, sono molto usati nella Pet Therapy allo scopo di promuovere l’apertura a nuove esperienze e soprattutto per stimolare la comunicazione.

Anche il cavallo è utilizzato, attraverso l‘ippoterapia, per migliorare lo stato di salute di un essere umano. In molti casi viene usato anche per la paralisi cerebrale infantile, Sindrome di Down, autismo, patologie cognitivo-comportamentale.

Inoltre sono di grande aiuto per chi ha avuto traumi in seguito ad incidenti, siano essi riconducibili al lavoro o ala strada.

Per quanto riguarda i gatti, essi rientrano nella sfera della Pet Therapy, ma non solo;

gatto-con-bambino-e-libro

Si è dimostrato che i gatti aiutano a ridurre l’asma nei bambini ( puoi approfondire qui asma bambini ), se presenti fin dalla nascita, alleviano notevolmente il malessere dovuto allo stress quotidiano ( puoi approfondire qui stress) , riducono i problemi cardio-vascolari e sono particolarmente indicati  per le persone che soffrono di ipertensione ( puoi approfondire qui benefici gatto). E non ultimo, sono indicati anche per chi è affetto da disturbi dello spettro autistico. Sono numerose le testimonianze in cui si è visto un notevole miglioramento del comportamento dei bambini autistici grazie all’aiuto dei gatti. Puoi approfondire qui il gatto Thula

Per concludere possiamo dire che noi dobbiamo sempre essere grati all’operato dei nostri animali, che con il loro amore e il loro affetto riescono ad alleviare le nostre sofferenze e ci forniscono un valido supporto.

bambina-con-gatto