Il gatto può passarmi i pidocchi? Come prevenirli?

Se sei qui, ti stai chiedendo: il gatto può passarmi i pidocchi? Sappi che questo tipo di parassiti attacca solo i felini ma può essere molto fastidioso

Vivere con un animale domestico significa anche prendersi cura della sua salute ed evitare episodi spiacevoli come la presenza di ospiti indesiderati sul pelo. I pidocchi sono dei parassiti esterni che possono colpire i gatti e a dire il vero succede spesso, soprattutto se si tratta di randagi o di gatti che hanno libero accesso ad uno spazio esterno. Tuttavia è possibile che anche un micio che vive in casa presenti i pidocchi.

I pidocchi non sono contagiosi come le zecche e le pulci, ma possono essere molto fastidiosi per il vostro piccolo felino. La domanda che in molti si fanno è: il gatto può passarmi i pidocchi? In questo articolo cercheremo di capire le cause, cioè come fanno i gatti a prendere i pidocchi, i sintomi, cioè come possiamo accorgercene, e infine il trattamento per eliminarli e per prevenirli.

Come fanno i gatti a prendere i pidocchi?

Il pidocchio è un parassita esterno che si attacca al pelo, ma ha delle differenze con pulci e zecche. Innanzitutto si tratta di un insetto senza ali, cioè attero, e non può saltare come invece fa la pulce, quindi il suo movimento è più ridotto.

Generalmente i vivono nella pelliccia, nella pelle o nelle piume di quasi tutte le specie di uccelli e mammiferi. Fanno parte dell’ordine Phthiraptera, che contiene circa 5.000 singole specie. Possiamo distinguere principalmente due tipi di pidocchi. Ci sono i pidocchi masticatori, che si nutrono della pelle dell’animale, ei pidocchi succhiatori, che invece sopravvivono grazie al sangue.

I pidocchi non si accontentano di qualsiasi possibile ospite ma sono molto selettivi, ecco perché ci sono specie di pidocchi che attaccano un solo tipo di animale. La specie di pidocchio che attacca i gatti si chiama Felicola subrostratus. Attraversa tutte le fasi della sua vita sul corpo dell’animale ospite ma muore dopo uno o due giorni.

 Colpisce principalmente i gatti giovani che non hanno ancora sviluppato le loro difese immunitarie. Anche i gatti che hanno smesso di pulirsi e prendersi cura di se stessi, come gatti anziani o obesi, sono soggetti a questo tipo di infestazione di pidocchi. Sono un ottimo bersaglio anche i gatti con cattiva alimentazione, malattie o sistema immunitario soppresso proprio a causa della loro vulnerabilità.

La presenza di Felicola subrostratus è più comune durante i periodi freddi dell’anno. Poiché il pidocchio non può saltare o volare, si trasferiscono da un animale all’altro quando entrano in contatto

I pidocchi dei gatti possono essere trasmessi all’uomo?

Come abbiamo spiegato in precedenza, la specie di pidocchio che attacca il gatto si chiama Felicola. Al suo interno racchiude 55 generi ma sono tutti interessati principalmente alla famiglia Felidae. Ecco perché è facile trovarli sui gatti, sia domestici che randagi, ma anche felini più grandi come leoni e tigri. Tuttavia è capitato che alcuni generi colpissero anche canidi e persino una specie di primati.

Noi esseri umani, fortunatamente, non rientriamo tra i loro interessi, quindi se ti stai chiedendo “il gatto può passarmi i pidocchi?”, la risposta è no, il gatto non può passare i pidocchi all’uomo, anche se ha una grave infestazione.

I sintomi dei pidocchi nei gatti, come si manifestano

Capire che il gatto ha i pidocchi è molto semplice, di solito la presenza di questi parassiti è abbastanza evidente. A differenza di altri tipi di parassiti dei gatti, come per esempio quelli interni, possono essere visti facilmente a occhio nudo, grazie al loro colore scuro e alle loro dimensioni. Sono infatti abbastanza grandi da essere visti tra il pelo del gatto, inoltre camminano sul manto e lasciano le uova, altrimenti note come lendini. Le lendini, o uova dei pidocchi, sono bianche e non si muovono come i pidocchi adulti. A causa delle uova, anche se la vita dei pidocchi è di uno o due giorni, l’infestazione può durate più a lungo a causa dei nuovi piccoli.

Se avete un gatto a pelo lungo (per approfondire potete consultare come riconoscere un gatto a pelo lungo), basterà fare scorrere il pelo tra le dita delle mani per vedere i pidocchi camminare tra le ciocche.

Se non riuscite a vedere facilmente i pidocchi, potete usare un pettine per lendini per spazzolare i peli e vedere più chiaramente. (Di seguito potete trovare suggerimenti su come si spazzola un gatto a pelo lungo e come si spazzola un gatto a pelo corto).

Altri sintomi caratteristici di un gatto con i pidocchi includono: pelliccia arruffata e/o sporca; graffi a causa di intenso prurito; il gatto che cercherà di graffiare e persino mordere il pelo che è stato colpito; tagli o ferite dovute ad automutilazione involontaria quando si gratta; croste sulle aree in cui le ferite iniziano a guarire; la perdita di pelo.

Il gatto ha i pidocchi, trattamento e prevenzione

Se avete appurato che il vostro gatto ha preso i pidocchi, dovete risolvere quanto prima il problema per la salute del vostro piccolo felino domestico. Per trattare i pidocchi del gatto esistono diversi prodotti sul mercato, anche se generalmente sono più adatti ad altri tipi di pidocchi che a quelli che interessano i felini, quindi possono risultare poco efficaci.

In ogni caso, se il vostro gatto ha un’infestazione da pidocchi, il primo tipo di trattamento è uno shampoo antiparassitario. Dopo aver lavato il gatto con lo shampoo adatto, usate un pettine anti-pidocchi per rimuovere eventuali insetti rimasti. Potete anche usare questo pettine per rimuovere eventuali uova rimaste. Una volta rimossi, annegare i pidocchi in una soluzione di acqua calda e alcol. Assicuratevi di controllare accuratamente tutte le parti del gatto.

Se il vostro gatto ha problemi con il bagno o non potete farlo per qualsiasi motivo, non preoccupatevi, ci sono altre soluzioni. Esistono farmaci antiparassitari che possono essere assunti per via orale e servono per uccidere i pidocchi presenti sul pelo. Dovrete però chiedere al vostro veterinario quale sia il trattamento più corretto, non azzardate cure fai da te che potrebbero causare danni alla salute del micio.

Due giorni dopo l’applicazione del prodotto antiparassitario, shampoo o pastiglie, occorre sverminare il gatto. Potete farlo con la pipetta, con lo spray o con i collari antiparassitari. Questa sverminazione viene utilizzata per aiutare a prevenire il ritorno dei pidocchi.

Se ci sono altri gatti in casa, dovranno essere implementate misure preventive. In primo luogo, controlla che ognuno non presenti i sintomi dei pidocchi nei gatti di cui abbiamo parlato in precedenza. Fortunatamente, i pidocchi non sopravvivono a lungo fuori dal corpo dell’ospite, tuttavia, dovreste pulire i posti in cui il vostro gatto dorme, così come i suoi giocattoli e altri accessori di suo uso. Inoltre, separare tutti i gatti affetti fino a quando il trattamento non si è dimostrato efficace.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati