Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Situata davanti alle zampe posteriori, la custodia primordiale potrebbe far sembrare che il vostro gatto abbia la pancia. In realtà non è affatto così.

Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Se pensate che il vostro gatto abbia la pancia,  in realtà, potrebbe essere solo che mostra una custodia primordiale. E’ la prima volta che sentite questo termine? Continuate a leggere l’articolo e vi spiegheremo che cos’è.

Se possedete un gatto adulto potreste aver notato che molti di loro hanno una leggera pancia, nella parte inferiore del ventre, che pende un po’ più in basso verso le zampe posteriori e che può spostarsi leggermente da un lato all’altro mentre cammina. Tuttavia, ciò non indica necessariamente che il vostro gatto sia in sovrappeso.  Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Questa zona del corpo è chiamata la “sacca primordiale” e può essere vista anche in tutti i tipi di gatti selvatici, così come nei gatti domestici di tutte le razze. Se guardate il vostro gatto di lato quando si alza in piedi o cammina in giro, sarete in grado di vedere la sacca primordiale proprio di fronte alle zampe posteriori, appesa un po’ più in basso rispetto al resto dello stomaco. Se il vostro amico peloso corre, potreste anche vederla oscillare da un lato all’altro. Nei gatti giovani e molto agili, la custodia primordiale non sarà particolarmente bassa o ovvia, ma sarete comunque in grado di sentirla (se tollererà di essere toccato sulla pancia).

Tutti i gatti hanno una sacca primordiale, ma è più ovvio in alcune razze rispetto ad altre. Alcuni standard di razza di gatto in realtà specificano un sacchetto primordiale come requisito, tra cui il Bengala, il Mau egiziano e il Folletto. Queste razze assomigliano molto ai gatti selvatici a causa della loro corporatura, colorazione o discendenza. Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Il marsupio primordiale non è, come pensano molti proprietari di gatti, semplicemente un po’ di grasso addominale in eccesso, o pelle residua che non ricresce dopo la perdita di peso, né compare a causa di sterilizzazione o castrazione. Tuttavia, la sacca primordiale sarà spesso più prominente in un gatto in sovrappeso poiché la sacca può fungere da riserva di grasso, ed è anche più prominente nei gatti che passano dalla giovane età adulta alla maturità, poiché il loro tono muscolare si attenua poco. Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Una delle funzioni della sacca primordiale è quella di rendere più facile, per il vostro gatto, difendersi ed evitare lesioni quando combatte con un altro: i gatti si aggrappano l’uno sull’altro e usano le zampe posteriori per calciare e danneggiare l’area dello stomaco del loro avversario, e questa pelle flaccida aiuta a proteggere gli organi interni, rendendo più difficile per gli artigli dell’avversario danneggiare la pelle e causare danni grazie alla sua flessibilità.

Aiuta anche a proteggere i gatti dagli attacchi di predatori più grandi, poiché la pelle flessibile dello stomaco è più difficile da afferrare rispetto al tessuto muscolare, il che, di nuovo, aiuta a difendere gli organi interni durante un attacco. Inoltre, consente loro di muoversi liberamente quando afferrati da un predatore. Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Il lembo della pancia consente a un gatto anche di allungarsi e muoversi più facilmente  quando corre, cammina, si torce o salta. Il tratto aggiunto, fornito dalla sacca primordiale, consente ai gatti di estendersi completamente in un’andatura da corsa. Li aiuta anche ad accelerare i tempi di recupero dopo essere stati sterilizzati, perché il salto e i movimenti rapidi non causano una pressione eccessiva sulla cicatrice chirurgica, grazie alla proliferazione di pelle elastica e flessibile in questa zona.  Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale

Infine, la custodia primordiale aiuta anche a conservare le riserve di grasso durante i periodi più magri, il che aiuta i gatti selvatici a sopravvivere agli inverni freddi quando il cibo è scarso. Tuttavia, nei gatti domestici, la sacca primordiale può anche contenere un peso ostinato che può essere difficile da spostare se il gatto inizia ad accumulare chili. Poiché i gatti allo stato brado devono nutrirsi opportunisticamente – il che per alcuni grandi gatti come il leone, potrebbe significare rimpinzarsi di un pasto abbondante e poi soffrire la fame per un paio di giorni – la sacca primordiale si espande anche per fornire un po’ di spazio extra alla pressione delle stomaco pieno, permettendo ai gatti di trattenere una risorsa alimentare prima del pasto successivo. Il mio gatto ha la pancia: in realtà è la custodia primordiale