Ocicat o Savannah: quale scegliere?

Due felini a confronto: l'Ocicat e il Savannah. Ve li presentiamo insieme per aiutarvi a decidere quale gatto scegliere per la vostra casa.

cuccioli di gatto ocicat

Sono molti gli appassionati di gatti che vorrebbero prendere con sé un micio un po’ più “selvatico” rispetto alla media: l’Ocicat e il Savannah sono accomunati da questa caratteristica sono perciò i candidati più gettonati. Ma quale dei due sarebbe meglio scegliere? E in base a cosa? A queste domande e tante altre ancora troverete risposta in questo articolo.

gatto savannah sfondo bianco

Quando si decide di accogliere un nuovo amico a quattro zampe nella propria casa, il primo passo da fare è assicurarsi di potergli garantire il miglior stile di vita possibile e ciò dipende non solo dalle nostre personali abitudini e possibilità (anche economiche), ma anche dalle personali esigenze dell’animale. L’Ocicat e il Savannah, se osservati semplicemente in foto, possono sembrare anche molto simili ma nel concreto richiedono cure e attenzioni sostanzialmente differenti.

gatto ocicat sfondo bianco

Partiamo innanzitutto dalle origini: l’Ocicat, nonostante il suo aspetto esotico lasci intendere il contrario, è frutto di incroci tra razze completamente addomesticate e in particolare l’Abissino, il Siamese e l’American Shorthair. Il Savannah nasce inizialmente dall’unione tra Servalo Africano e gatto domestico, anche se in seguito sono stati effettuati ulteriori incroci per “diluirne” i tratti più marcatamente selvatici.

Poiché i Savannah maschi fino alla quarta generazione sono sterili, questo gatto è molto raro e di conseguenza costoso: il suo prezzo può arrivare fino a 20.000€ contro i 900€ medi dell’Ocicat.

gatto ocicat sul pavimento

A proposito delle dimensioni, va notato che si tratta in entrambi i casi di gatti non certo piccoli: si va dai 40-46 cm di lunghezza per 3,5-5 kg di peso dell’Ocicat al Savannah che, oltre a stabilire spesso dei veri e propri record di grandezza può misurare dai 50 e i 63 cm e pesare dai 4,5 (quarta e quinta generazione) agli 11 kg (prima generazione).

Veniamo ora al carattere di questi animali, che può influenzare moltissimo la nostra capacità di gestire al meglio un gatto in casa nostra: più un micio mostra tratti “selvatici” nella sua personalità e più difficile sarà stargli dietro. L’Ocicat a questo proposito è piuttosto affettuoso e socievole, nonché disposto a imparare qualche comando; il Savannah non è da meno, ma presenta un’indole selvatica più marcata.

gatto savannah disteso sull'erba

Si tratta comunque di gatti molto attivi e giocherelloni, la cui intelligenza e curiosità richiedono stimoli continui. È bene poter disporre di spazi molto ampi, magari all’aperto, in cui accoglierli, cosicché possano esplorare, giocare e arrampicarsi in tutta tranquillità e dare libero sfogo alla loro grande energia.