Thai, carattere e temperamento di questo gatto stupendo

Gatto Thai, carattere e comportamento di un felino molto socievole, particolarmente chiacchierone e desideroso di un contatto fisico costante

Thai

Ecco il gatto razza Thai, carattere e temperamento di un felino dall’aspetto elegante e molto raffinato dove il contrasto di colore e di comportamento fanno la differenza.

È considerato la versione antica del Siamese da cui trae origine, dividendo con lui i natali e molti tratti distintivi che sono stati geneticamente addolciti con il tempo.

Il Thai anche noto come Siamese Old Style in Gran Bretagna e Traditional Siamese negli Usa, fisicamente mostra una corporatura leggermente più arrotondata e robusta.

Rispetto al Siamese il busto appare possente con testa a forma di mela e orecchie piccole, con colorazione molto simile tra le due razze.

Ma per il gatto Thai, carattere e temperamento sono segni distintivi della razza tanto da allontanarsi dal comportamento classico del parente più prossimo, il Siamese.

Conosciamo insieme le caratteristiche comportamentali di questa razza così affascinante e intrigante.

Gatto Thai: carattere e temperamento

Thai

Thai, carattere e temperamento di un felino adorabile, del tutto anomalo e profondamente socievole, tanto da cercare fisicamente il contatto.

Il gattone è definito espansivo e molto chiacchierone, non a caso segue l’umano di affezione ovunque cercando di attirare la sua attenzione con versetti e miagolii continui.

Oppure arrampicandosi direttamente sulla spalla o sulle gambe dove si sistemerà per ricevere coccole e carezze a profusione.

Il gatto, nell’immaginario comune, è un animale restio al contatto che ama la solitudine e l’indipendenza da tutto, principalmente dall’uomo.

Non si può dire la stessa cosa del Thai che, al contrario, detesta essere ignorato e rimanere solo a lungo, preferendo interagire con la sua famiglia umana.

Amichevole con tutti, anche con gli estranei e con gli altri animali, ama curiosare dentro borse e sacchetti, per questo è bene non lasciarli incustoditi per non ritrovarci dentro il suo buffo muso scrutatore.

Thai

Il Thai ha un bisogno fisico preponderante di partecipare a tutto ciò che accade in casa, qualsiasi avvenimento contempla la sua partecipazione.

Per questo potrebbe risultare un po’ troppo pressante, ma al contempo perfetto per chi vuole vivere con un animale di vera e profonda compagnia.

Infaticabile e carico di energia, ama correre e saltare per casa ma un tiragraffi potrebbe rivelarsi una buona soluzione per mettere in salvo mobili e tendaggi.

La sua predisposizione alla chiacchiera rivela una forte intelligenza, non solo versetti delicati ma vere e proprie rimostranze quando viene sgridato o redarguito.

Il Thai è un gatto unico, fedele come un cane, chiacchierone e socievole, perfetto per chi desidera un amico presente, ottimo sia per grandi, anziani che piccini.

Storia e caratteristiche della razza

Thai

Il pelo del gatto Thai ricorda quello del Siamese, con colorazioni simili bianco panna leggermente macchiato che ricoprono il corpo.

Solo zampe, coda e muso risultano più scure in un equilibrio perfetto.

La cura del pelo non richiede un impegno particolare se non la classica spazzolata o una detersione con un panno morbido, per renderlo ancora più lucido.

Il fisico è molto meno snello del Siamese ma robusto, sempre elegante e raffinato, molto più stabile: l’ideale per assecondare il suo desiderio continuo di movimento e gioco.

Gli occhi si mostrano meno ovali rispetto al Siamese ma comunque rotondi e grandi, con una colorazione blu brillante molto intensa.

Le sue origini sono legate alla razza Siamese da cui discende e di cui fa parte, condividendo con la stessa colore e caratteristiche.

Thai

Importato in Inghilterra per la prima volta dal Siam nel tardo 1800 è diventato un esemplare ricercatissimo nell’alta società, in qualità di animale esotico e raffinato.

Fu Mrs. Lilian Veley a far nascere la razza perché in possesso di due esemplari originali con caratteristiche simili ma non uguali.

Chiarendo una volta per tutte la parentela diretta tra le due razze come parte integrante di un’unica famiglia, rappresentata da un gatto elegante, distaccato e sinuoso come il Siamese.

E al contempo da un esemplare più robusto, stabile, giocoso e atletico quale il gatto Thai.