Therios per gatti: cos’è e come funziona questo medicinale

Il povero Micio ha una brutta infezione? Le compresse di Therios per gatti potrebbero essere la soluzione: cosa sapere

Prendersi cura di una dolce palla di pelo richiede impegno e attenzione. Dobbiamo donargli tutto l’amore possibile ma si sa, non bastano solo le coccole per far stare bene Micio. Dobbiamo assicurarci che abbia tutto ciò di cui ha bisogno ed essere sempre vigili sulle sue condizioni di salute.

Come noi esseri umani, può capitare che anche Micio stia male e quando succede è dura da affrontare. Ma la medicina veterinaria ha fatto passi da gigante e con l’aiuto del veterinario e dei giusti farmaci possiamo curare una grandissima varietà di disturbi e patologie.

Il Therios per gatti è uno di questi, un farmaco pensato per i piccoli felini domestici che soffrono di particolari infezioni della pelle o delle vie urinarie. Ma scopriamo nel dettaglio di che si tratta e come funziona.

A cosa serve

gatto con gli occhi gialli

Il Therios per gatti è un farmaco sotto forma di compresse (disponibile in 2 diversi formati, che vedremo nel dettaglio). Naturalmente si deve usare sotto il controllo del veterinario, facendo molta attenzione alle dosi e alla corretta posologia.

Le compresse sono a base di un principio attivo chiamato Cefalexina Monoidrato, appartenente alla famiglia delle cefalosporine. In pratica il Therios per gatti è a tutti gli effetti un farmaco antibiotico che si usa per curare alcune infezioni causate da batteri e microrganismi particolari.

Nello specifico il farmaco viene prescritto dal veterinario per curare le infezioni cutanee del gatto, sia quelle superficiali che quelle più profonde. Uno degli esempi più comuni è la piodermite, ovvero una infezione della pelle causata da una proliferazione anomala del batterio Staphylococcus spp, così come ferite e ascessi causati da Pasteurella spp. La piodermite si manifesta con diversi sintomi come arrossamenti, eruzioni cutanee, forfora e pustole. Quando peggiora si formano anche ascessi purulenti e croste sulla pelle del gatto.

Il Therios per gatti si utilizza anche nel trattamento delle infezioni del tratto urinario dovute a Escherichia coli e Proteus mirabilis. Si tratta di condizioni che possono colpire i gatti di tutte le età, ma in particolare quelli un po’ vecchietti o che hanno difese immunitarie deboli. Cistiti, calcoli, nefriti possono essere conseguenza di una cattiva alimentazione o del fatto che Micio beve poca acqua, ma in ogni caso hanno sintomi comuni come la difficoltà a fare pipì (o la sua totale assenza) e la presenza di sangue nelle urine.

Formato

giocattolo di legno per gatti

Il Therios per gatti si acquista con la ricetta del medico veterinario in tutte le farmacie specializzate in questo tipo di medicine. Viene venduto sotto forma di compresse in due diversi formati, che variano per la quantità di pillole nel blister:

  • 10 compresse da 75 mg;
  • 200 compresse da 75 mg.

Come potete vedere, qualunque sia la confezione di compresse che acquistiamo non cambia la dose di farmaco (sempre 75 mg). Ovviamente la scelta di uno o dell’altro dipende da vari fattori, come il tipo di infezione da curare e la durata del trattamento prescritto dal veterinario per Micio.

Dosi e posologia

gatto arancione in giardino

Come tutti i farmaci anche il Therios per gatti si deve usare con estrema cautela. Poterci prendere cura dei nostri amati quattro zampe quando stanno male è meraviglioso, ma non dobbiamo mai dimenticare che per farlo dobbiamo seguire alla lettera le indicazioni del veterinario, senza fare di testa nostra.

Il Therios per gatti ha dosi e posologia consigliate già nel foglietto illustrativo. La dose consigliata è di 15 mg di cefalexina per ogni kg di peso corporeo vivo, equivalente a una compressa ogni 5 kg di peso vivo. La terapia dovrebbe consistere in due compresse al giorno per 5 giorni nel caso di ferite e ascessi, da aumentare da 10 a 14 giorni in caso di infezioni delle vie urinarie. La posologia cambia per le piodermiti e le infezioni della pelle, per le quali è consigliato un trattamento di almeno 14 giorni consecutivi.

Come da foglietto illustrativo, il trattamento deve continuare per altri 10 giorni dopo la guarigione delle lesioni. Per assicurare un corretto dosaggio ed evitare il sottodosaggio, il veterinario deve pesare il micio nella maniera più accurata possibile.

Piccola parentesi: come ben sappiamo Micio può essere davvero “difficile” quando si tratta di ingerire cose che esulano dalla sua solita pappa. Le compresse di Therios per gatti sono aromatizzate, per cui non dovrebbe essere complicato farle ingerire al micio. In ogni caso possiamo dargliele con la pappa oppure direttamente in bocca.

Avvertenze

gatto sta male

La gran parte degli antibiotici viene eliminata principalmente dai reni, anche il Therios per gatti. Per tale motivo c’è il rischio che il farmaco di accumuli nei reni, quando questi non funzionano come dovrebbero e non riescono a smaltire correttamente le tossine e le sostanze di scarto. Quindi prima di dare le compresse a Micio dobbiamo stare molto attenti e se il gatto ha l’insufficienza renale, il veterinario deve assolutamente ridurre la dose da somministrare giornalmente.

Nel foglietto illustrativo del farmaco possiamo leggere altre avvertenze importanti, come ad esempio il fatto che il Therios non dovrebbe essere somministrato a gattini al di sotto delle 9 settimane di età. Inoltre è sconsigliato dare questo farmaco a gatti di peso inferiore a 2,5 kg.

Precauzioni speciali

gattino si nasconde sotto un tavolo

Dare le medicine a Micio non è un’operazione da prendere alla leggera, sia per la sua salute che per la nostra. Per questo è importante munirsi delle giuste precauzioni per evitare gli effetti indesiderati (e talvolta anche pericolosi) che il farmaco potrebbe avere su noi gattari.

Il Therios per gatti, come tutte le cefalosporine, possono causare fenomeni di sensibilizzazione e allergia anche solo attraverso il contatto con la pelle. Gli stessi effetti si possono manifestare in caso di iniezione, inalazione o ingestione: dobbiamo evitare assolutamente tutte queste eventualità. Perciò meglio munirsi di guanti protettivi quando dobbiamo dare la medicina a Micio, in modo da star tranquilli.

Indossare i guanti non ci tiene lontani da ogni rischio, pertanto ogni volta che maneggiamo il blister delle compresse dobbiamo sempre lavare le mani con abbondante acqua e sapone. In caso di effetti strani (e ben più gravi) come rash cutanei, gonfiore di viso, labbra oppure occhi e persino difficoltà respiratorie, è decisamente il caso di chiamare con urgenza il nostro medico.

Effetti collaterali

giocattolo di legno per gatti

Ed eccoci all’ultima cosa importante, ossia i possibili effetti collaterali del farmaco su Micio. In linea generale è raro che il gatto stia male dopo la somministrazione del Therios, a meno che non sia allergico al principio attivo. Gli unici effetti indesiderati che potremmo osservare sono vomito e diarrea, ma soltanto in brevi episodi. Se la diarrea si protrae, dobbiamo sospendere la somministrazione del farmaco. Inoltre è sconsigliato l’uso di questo farmaco nelle gatte in gravidanza oppure durante l’allattamento.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Articoli correlati